laRegione
Luganese
17.07.22 - 20:04

Carestia elettrica, Aem punta sull’autoproduzione

L’Azienda di Massagno cercherà di sviluppare i ‘Raggruppamenti’ allacciati a centrali solari

carestia-elettrica-aem-punta-sull-autoproduzione
Ti-Press

Penuria di gas, prezzi alle stelle, razionamento: spaventano le ultime notizie su una possibile carestia energetica, provocata dalla guerra in Ucraina. Che margini di manovra ha una Azienda elettrica ticinese di livello medio, come la Aem di Massagno, che ha una produzione propria e una distribuzione regionale. Al direttore Rolf Endriss chiediamo come reagendo alla situazione. «Il nostro portafoglio è gestito dalla Aet (Azienda elettrica ticinese ndr) quindi sui prezzi abbiamo poco margine. Per contro, stiamo spingendo molto per incrementare la produzione di energia rinnovabile sul territorio, e usciremo con nuove proposte che vanno proprio nella direzione di incrementare la produzione locale. È secondo me l’unica possibilità per ammortizzare gli aumenti preoccupanti dell’energia a mercato». La produzione idroelettrica è però a sua volta un po’ in crisi. Come va la vostra centrale? «La nostra centrale sul piano della Stampa solitamente copre circa un terzo del fabbisogno, ma quest’anno la produzione è stata ridotta a causa della meteo». Stangata in vista sulle bollette? «L’energia di quest’anno è già stata acquistata, dunque per il cliente finale non cambia niente. Per l’anno prossimo invece le cose potrebbero cambiare, quindi speriamo che l’idroelettrico sia più performante, ma a parte questo, stiamo lavorando per rendere sostenibile la condivisione dell’energia prodotta dai proprietari di immobili attraverso le fonti rinnovabili, come i pannelli solari.In questo modo le persone che faranno l’investimento del fotovoltaico sul proprio tetto, oltre a risparmiare sull’acquisto di energia, condividendo quella autoprodotta tra vicini di casa, potranno di pagare la tariffa di rete. Per esempio, al posto di, mettiamo 30 centesimi per chilowattora, se ne pagherebbero la metà. Il tentativo da parte nostra è quello di aumentare l’autosufficienza del territorio partendo dal basso».

Prezzi troppo bassi?

Una critica ricorrente è proprio quella di prezzi troppo bassi pagati ai privati che ‘versano’ nella rete la corrente prodotta coi loro pannelli solari. «Non è proprio cosi: i prezzi di ritiro sono regolamentati per legge, e dipendono dal prezzo medio di acquisto che abbiamo sul mercato. Non possiamo pagare l’energia dei privati né di più né di meno di quello che ci costa, ad esempio, l’elettricità che compriamo dalla Aet. Adesso, alzandosi i prezzi dell‘energia in generale, adegueremo anche i prezzi del ritiro di energia dai privati. Tuttavia, ripeto, l’autoconsumo è ancora più interessante proprio perché non ci sono costo di rete e tasse. Per questo spingiamo sulle comunità energetiche, che ufficialmente si chiamano ’Raggruppamenti ai fini del consumo proprio’. Noi abbiamo realizzato un progetto di questo tipo a Lugaggia, andando così a testare anche il raggruppamento orizzontale, cioè tra case singole confinanti e non all’interno di palazzi, riuscendo a mettere insieme circa 25 unità abitative, allacciate a un grande impianto fotovoltaico situato presso la scuola dell’infanzia, e ad altri privati che hanno i loro impianti. Così facendo si riesce ad utilizzare il 100% dell’energia prodotta dai pannelli all’interno dello stesso territorio. Ed è lì che bisogna puntare. Quello che vogliamo fare come azienda è agevolare questo tipo di investimenti, cioè finanziare noi l’impianto, mentre il cliente andrebbe a pagare un leasing. Questa soluzione non è ancora in vigore perché la stiamo sviluppando assieme alla Supsi, impiegando anche degli algoritmi per incentivare migliori abitudini di utilizzo. Tra l’altro a Berna si sta discutendo l’opportunità di aprire queste comunità anche a case non confinanti, ma situate per esempio nello stesso comune della stessa zona di produzione, per incentivare ulteriormente il fotovoltaico».

Pala eoilica

Per quanto riguarda l’eolico? «Non ci sono molti posti dove farlo, noi stiamo rivalutando la possibilità di installare una pala sopra l’alpe del Tiglio. Ai tempi questa soluzione venne scartata per motivi economici, ora stiamo valutando se riprendere questo discorso, sempre per dipendere meno dal mercato. Sarebbe interessante soprattutto per i mesi invernali, quanto naturalmente i pannelli solari danno meno energia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
36 min
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
51 min
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
1 ora
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
1 ora
Campione d’Italia, 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
2 ore
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
2 ore
Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento
Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Mendrisiotto
2 ore
Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla
Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
3 ore
Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide
A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
3 ore
Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne
Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
4 ore
Quasi mille abitanti in più a Bellinzona
Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
© Regiopress, All rights reserved