laRegione
22.06.22 - 15:50
Aggiornamento: 30.06.22 - 17:40

Lugano, infrastrutture adeguate per i mezzi pubblici

Mozione interpartitica chiede al Municipio di effettuare uno studio di fattibilità per posare panchine e pensiline alle fermate con grande utenza

lugano-infrastrutture-adeguate-per-i-mezzi-pubblici
archivio Ti-Press
Auspicate strutture mirate adeguate

Le fermate del bus di Lugano dove si registra una grande utenza devono essere dotate di infrastrutture adeguate, come panchine e pensiline. È quanto chiede una mozione interpartitica (prima firmataria Sara Beretta Piccoli, Movimento Ticino e Lavoro) presentata al Municipio di Lugano. Municipio che viene sollecitato a "effettuare uno studio di fattibilità e licenziare un credito per l’attuazione di questo progetto".

La mozione, spiegano i firmatari, "si focalizza su un aspetto molto concreto", ovvero "rendere maggiormente fruibile il trasporto pubblico, con strutture mirate adeguate". A Lugano, si evidenzia, "vi sono alcune fermate dei bus che andrebbero adeguate secondo l’ubicazione e l’utilizzo della stessa, con la posa di almeno una panchina o un riparo da sole e intemperie". Questo perché "le panchine sono di particolare importanza per le fasce di popolazione più anziane, ma non solo. Mentre le pensiline offrono un minimo di riparo da un clima sempre più imprevedibile e con episodi meteorologici ‘picco’ più frequenti (canicole e piogge torrenziali)". Tra gli esempi, corredati da immagini, citati nella mozione, c’è quello di via Ceresio, a Pregassona, dove in direzione di Viganello vi sono tre fermate di grande importanza. "Nessuna ha in dotazione una panchina o un riparo (pensilina) da sole o intemperie. È indubbio che in questa zona vi sia una grande fruizione del mezzo pubblico, che richiede pertanto infrastrutture adeguate".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
14 min
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘in un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
28 min
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
52 min
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
1 ora
Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo
Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
1 ora
Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato
Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
Luganese
2 ore
Prostituzione illegale nei centri massaggi, due gli arresti
In stato di fermo una 50enne cittadina ungherese residente in Italia e un 47enne cittadino italiano residente nel Luganese
Locarnese
6 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
6 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
8 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
11 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull’ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ‘Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
© Regiopress, All rights reserved