laRegione
Luganese
laR
 
09.06.22 - 05:20
Aggiornamento: 17:26

Dehor in piazza Cioccaro, c’è chi insorge

Ricorsi e lettere contro l’uso ‘privato’ da parte del bar ristorante Gabbani

dehor-in-piazza-cioccaro-c-e-chi-insorge

Impossibile non notarlo una volta scesi dalla funicolare: il ‘dehor’ del ristorante Gabbani occupa infatti una bella fetta di piazza Cioccaro, pieno centro storico, la ‘porta’ di Lugano per chi scende dalla stazione, con la ‘funi’ o dalla ripida via Cattedrale. Come molti altri esercizi pubblici, anche il Gabbani ha beneficiato delle agevolazioni provvisorie decise in tempi di Covid per aiutare gli esercenti, aumentando cioè la superficie esterna dei locali, siccome quella interna era totalmente o parzialmente off-limits. La struttura sembra abbastanza ben fatta ed è frequentata, fin qui non ci sarebbe molto da ridire. A mandare in bestia diversi colleghi attivi in questa zona del centro storico, come pure dei commercianti e non solo, è stato però il prolungamento della concessione, che sarebbe scaduta lo scorso 18 aprile, fino alla fine dell’anno 2022. Cosa che sostanzialmente impedisce lo svolgimento di eventi in piazza Cioccaro: i concerti all’aperto, per esempio – come il Blues to bop di fine agosto, che vedeva nella piazza una delle ambientazioni più apprezzate – ma anche i mercatini, la Festa d’autunno e quant’altro. C’è chi ha contattato per iscritto il Municipio contestando questa decisione; non sappiamo se ci sia spazio per ripensamenti, al momento il palco del Gabbani resta dov’è, spesso circondato dai furgoncini della stessa ditta. Una ‘privatizzazione’ strisciante della piazza?

Ma c’è dell’altro. Già prima che scoppiasse l’epidemia di coronavirus la Gabbani presentò una domanda di costruzione per una struttura nella stessa posizione. Domanda contro cui erano insorti alcuni confinanti. Come ci spiegano i proprietari del Palazzo Sayonara (al cui pianterreno si trova l’ex omonimo storico ristorante, oggi denominato ‘Spaghetti Pomodoro’). L’avvocato Aldo Ferrini: "Niente contro la Gabbani, mi sembra che questa struttura provvisoria andasse anche bene, ma trovo che un’occupazione stabile della piazza impedirebbe lo svolgimento di manifestazioni come la Festa d’autunno o i concerti. Il nostro ricorso però verteva su aspetti come la parità di trattamento verso gli altri esercizi pubblici della piazza, e soprattutto l’inserimento paesaggistico in piazza Cioccaro, che è la porta di Lugano per chi scende dalla stazione". A proposito dell’inserimento architettonico, a esserne particolarmente danneggiato è l’antico stabile Riva, sede fra l’altro del Consolato di Germania: uno stabile protetto inserito nel registro dei beni culturali, la cui vista è ostruita proprio dal ‘dehor’ incriminato. A quanto ci risulta i proprietari della casa, la famiglia Wicki, avrebbero pure presentato un ricorso contro la domanda di costruzione (ad opera, sembra, dello stesso console, l’avvocato Francesco Wicki). Da allora, tre anni fa, comunque nulla si è mosso. ‘Off records’ molte persone interpellate lamentano l’invadenza della Gabbani che ormai sembra considerare questo pregiato angolo del nucleo una sua dépendance – sotto accusa c’è pure il disinvolto posteggio dei furgoni – oltre ad aver rilevato pure il ristorante Cantinone, sempre in piazza Cioccaro. Avremmo voluto sottoporre la questione alla stessa società, ma pur avendo rintracciato uno dei fratelli Gabbani non siamo riusciti a ottenere delucidazioni in questo senso. In tutti i casi sui piatti della bilancia c’è un tema delicato: l’offerta degli esercenti e la fruizione pubblica delle piazze sempre più ‘rosicchiate’ da varie attività.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
6 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
10 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
12 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved