laRegione
21.11.22 - 12:08
Aggiornamento: 14:31

Ha ospitato uno spacciatore ed è uscito dalla droga, 24 mesi

Alla sbarra un 41enne del Luganese che ha smesso da solo di consumare. La Corte delle Assise criminali sospende la pena per tre anni

ha-ospitato-uno-spacciatore-ed-e-uscito-dalla-droga-24-mesi
archivio Ti-Press

È uscito da solo dal mondo della cocaina, dove era caduto tra il 2013 e il 2018 complici i forti dolori causati da un infortunio. Nello stesso periodo, dal suo appartamento sono transitati 1,2 chili di sostanza, alienati in larga parte da uno spacciatore già condannato. L’uomo, un 41enne del Luganese, è comparso questa mattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano per rispondere di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti e coazione (ripetuta e in parte tentata). Il giudice Siro Quadri lo ha condannato a 24 mesi sospesi per un periodo di prova di 3 anni e a una multa di 100 franchi per la contravvenzione. «Una pena non ovvia per una corte Criminale – ha spiegato il giudice – ma non è nemmeno ovvio che sia riuscito a uscire dalla dipendenza». La Corte ha avallato l’accordo proposto in aula da accusa (la procuratrice pubblica Pamela Pedretti) e difesa (l’avvocato Letizia Vezzoni). «Siamo convinti – ha aggiunto il giudice motivando il periodo di prova di tre anni – che l’imputato non cadrà più nel mondo della droga. Ma anche noi dobbiamo essere coerenti: i reati sono tanti e non è la prima volta che è confrontato con un decreto d’accusa». Nella sua decisione, la Corte ha tenuto conto della «parziale scemata imputabilità», dell’azione motivata «dal bisogno e non dal lucro» e del «sincero pentimento» dimostrato dal 41enne.

Dalla festa alla necessità

L’imputato ha incontrato il mondo della droga «per far festa». In seguito «i dolori fisici sono diventati talmente forti che i farmaci che ricevevo dal medico non erano sufficienti e andavo a cercare altrove». La decisione di smettere – «l’ho deciso io» – è arrivata dopo che la cocaina «non mi dava più benessere. Non voglio più sapere nulla di quei canali: ora frequento solo gente che non usa sostanze e ho cambiato vita». L’uomo, sempre assistito a livello medico, sta comunque seguendo una terapia per i suoi dolori cronici. Terapia che gli permette di gestire il dolore. L’imputato ha, come detto, avuto a che fare con 1’285 grammi di cocaina. Tra il 2015 e il 2017 ha messo a disposizione il suo appartamento "in almeno 32 occasioni (con cadenza mensile)" per confezionare 50 dosi. In alcuni casi ha inoltre aiutato lo spacciatore a confezionare, ricevendo complessivi 30 grammi di cocaina per il suo consumo personale. Gli episodi di coazione risalgono invece al 2019-2020, quando il 41enne ha usato violenza e minacciato una persona per una banconota da 100 franchi che credeva essergli stata rubata.

Riconosciuta la collaborazione

Nei loro interventi, accusa e difesa hanno sottolineato la collaborazione fornita dal 41enne. «L’atto d’accusa si fonda sulle sue dichiarazioni – ha detto Pedretti –. Ha collaborato nel modo più ampio possibile e ha continuato a farlo, anche nei confronti con le altre persone coinvolte avrebbe potuto giocare al ribasso ma non lo ha fatto». In base al principio in dubio pro reo, lo spacciatore che ha utilizzato l’appartamento dell’uomo è stato condannato per 500 grammi di cocaina. Quella fornita, ha aggiunto Vezzoni, «è stata una collaborazione eccezionale. Si è garantito il consumo e non ha mai agito per scopo di lucro. Si è sempre comportato in modo corretto: dai fatti a oggi c’è stata una sorta di periodo di prova già svolto». Anche il giudice, nella motivazione orale della sentenza, ha evidenziato «l’assidua collaborazione data da subito e per tutti i reati: avrebbe potuto negare o andare al ribasso, ma non l’ha fatto per senso di responsabilità».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
6 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
19 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
21 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
21 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
22 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
© Regiopress, All rights reserved