laRegione
13.06.22 - 12:37
Aggiornamento: 14:36

Sul Monte Barro, alla scoperta delle querce presenti in Ticino

Terminato il progetto di rivalorizzazione di un’area di 10 ettari. Promotore dei lavori è stato il Patriziato di Sigirino

sul-monte-barro-alla-scoperta-delle-querce-presenti-in-ticino
Ospita le quattro specie di quercia presenti in Ticino
+3

Ospita le quattro specie di quercia presenti in Ticino. Quello del Monte Barro, una superficie di circa 67 ettari situata tra i Comuni di Monteceneri (Sigirino) e Torricella-Taverne, a un’altitudine media di 651 metri, è un unicum a livello nazionale. Un’area di 10 ettari, quella che ospita le specie di quercia endemiche presenti in Svizzera (ovvero rovere, farnia, roverella e cerro), è stata recentemente oggetto di un progetto di rivalorizzazione che ha visto come ente promotore il Patriziato di Sigirino, presieduto da Dave Pedevilla, in collaborazione con Torricella Taverne e il 5° Circondario forestale. «Il progetto è praticamente terminato e già fruibile anche dalla popolazione – spiega Marco Cattani, municipale di Monteceneri –. Il Municipio ha sempre sostenuto questo tipo di opera proposta dai Patriziati del nostro Comune». Oltre al recupero della selva, il progetto realizzato dalla EcoControl Sa di Lugano ha portato alla posa di una fontana per l’acqua potabile con relativa condotta d’adduzione, diversi tavoli in legno con le rispettive panchine, pannelli informativi e la realizzazione di due piccoli stagni. Gli interventi, aggiunge Cattani, «hanno permesso di ripristinare quel promontorio dove negli scorsi secoli gli abitanti di Taverne e Sigirino portavano il loro bestiame a pascolare. Pascolo particolarmente adatto ai maiali che potevano nutrirsi con le ghiande delle querce. Durante i lavori sono stati tagliati e recuperati circa 25mila quintali di legno di piante, che assieme a malerbe, avevano invaso il querceto, sul terreno riseminato adesso ci sono pecore e capre di due aziende agricole dei due Comuni che vengono fatte pascolare». Per rendere l’area più accessibile alla popolazione, «è stato creato anche un piccolo spazio di ristoro, con una fontana che servirà anche ad abbeverare gli animali». La fontana in granito, come spiegato nella relazione tecnica che ha accompagnato la domanda di costruzione, si trova nei pressi della sommità (a 640 metri). Le acque del troppo pieno verranno sfruttate per alimentare un piccolo stagno creato ex novo nelle vicinanze (5 metri di diametro e 50 centimetri di profondità). Sul versante esposto a sud, invece, in prossimità di una depressione naturale del terreno, è stato creato un piccolo biotopo di circa 50 metri quadri (profondità massima 50 centimetri) che potrà offrire un habitat ideale per alcuni anfibi, come la rana rossa e la salamandra pezzata.

Un breve percorso didattico e un’altalena panoramica

I sentieri presenti all’interno e nelle immediate vicinanze dell’area sono stati oggetto di interventi di sistemazione puntuale. Il progetto ha invece portato alla creazione di un breve percorso didattico di circa 600 metri dedicato alle querce, con la posa di quattro pannelli didattici riguardanti le specie citate. Il nuovo percorso ha permesso inoltre la creazione di una rete escursionistica circolare in corrispondenza della cima del Monte Barro. «Una volta collaudato – aggiunge Cattani – anche questo sentiero entrerà a far parte della nostra guida digitalizzata per sentieri in 3D, sotto forma di applicazione per smartphone, perché si tratta di un posto interessante, uno dei tanti che abbiamo sul territorio di Monteceneri, da far conoscere anche a livello turistico». A completare l’offerta ci sarà anche un’altalena gigante voluta dal Patriziato di Sigirino. La domanda di costruzione presentata nel mese di aprile non ha infatti incontrato opposizioni. L’altalena sarà posizionata nei pressi della vetta e, grazie alla sua posizione strategica, permetterà di ammirare la piana del Medio e l’Alto Vedeggio.

Contributi di Cantone, Confederazione e numerosi enti attivi sul territorio

Il preventivo presentato al Consiglio di Stato nel 2018, con la richiesta di un sussidio cantonale e federale per le opere selvicolturali di recupero e valorizzazione della selva di querce del Monte Barro ammontava a 613mila franchi. "Riconosciuto il valore storico-culturale, paesaggistico, naturalistico e ricreativo di questi interventi", si legge nella decisione, il Cantone ha fissato il sussidio complessivo (cantonale e federale) in 242’425 franchi. Contributi sono arrivati anche da vari enti e associazioni che operano sul territorio. Tra questi ci sono l’Ente regionale di sviluppo del Luganese, i Comuni di Monteceneri e Torricella-Taverne, il Wwf e l’Ufficio caccia e pesca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
8 min
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
5 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
5 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
12 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
12 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
14 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
14 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
15 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
15 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
15 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
© Regiopress, All rights reserved