laRegione
29.03.22 - 17:49
Aggiornamento: 18:30

Nove mesi al contabile ‘che non sa dire di no’

L’uomo, un 54enne del Luganese, è stato processato dalla Corte delle Assise criminali per essersi appropriato di 91mila franchi

nove-mesi-al-contabile-che-non-sa-dire-di-no
Ti-Press
Dall’ottobre 2016 al maggio 2018

È un contabile «con un grande problema a dire di no e che su questo dovrebbe lavorare», per dirla con le parole del giudice Mauro Ermani, quello comparso oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano per rispondere di ripetuta appropriazione indebita e ripetuta falsità in documenti. Reati che gli hanno portato una condanna a 9 mesi di detenzione e al divieto per tre anni di esercitare qualsiasi attività contabile indipendente. La Corte lo ha altresì invitato a togliersi «immediatamente» da tutti i Cda di cui è ancora membro. «Adesso basta – sono state le parole del giudice –. Di favori non se ne fanno a nessuno». L’uomo, un 54enne del Luganese, nel 2016 era già stato condannato a 24 mesi sospesi per tre anni per reati analoghi. Sei mesi dopo, nell’ottobre 2016, sono iniziati i bonifici e prelievi illeciti che lo hanno portato ad appropriarsi di 91’599 franchi. Malversazioni effettuate ai danni di una società di cui era amministratore unico e contabile a favore di una donna «di cui non ero innamorato» ma con la quale «c’era coinvolgimento emotivo. Ho agito per stupidità perché la signora da anni mi doveva un sacco di soldi», sono state le parole dell’imputato. Una tesi che non ha convinto il presidente della Corte. «La stupidità è un po’ poco rassicurante per una persona che ha la formazione da contabile federale». Lo scoperto nei confronti della società, rappresentata dall’avvocato Roy Bay, ammonta a 49’199 franchi.

Nel maggio dell’anno scorso, quando il processo era pronto per essere celebrato, il nome dell’imputato è comparso nel caso dell’abbellimento di una contabilità societario. «Volevo dare una mano a questi due signori che si sono trovati con una società che non potevano iscrivere a registro di commercio». L’inchiesta nei confronti di queste persone è coordinata dalla procuratrice Francesca Piffaretti Lanz. Accusa (il procuratore pubblico Andrea Gianini) e difesa (l’avvocato Olivier Ferrari) hanno proposto una condanna a 3 anni, di cui 6 mesi da espiare in regime di semiprigionia ritenendo la detenzione «inevitabile». Legge alla mano, la Corte ha rinunciato a una pena sospesa e ne ha inflitta una interamente da espiare. «Essendo contenuta nei limiti di legge – ha spiegato in conclusione Ermani – la stessa potrà eventualmente essere espiata in regime di semiprigionia o con il braccialetto». La decisione spetterà al Giudice dei provvedimenti coercitivi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
33 min
Prostituzione illegale nei centri massaggi, due gli arresti
In stato di fermo una 50enne cittadina ungherese residente in Italia e un 47enne cittadino italiano residente nel Luganese
Locarnese
4 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
4 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
6 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
9 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull’ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ‘Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
9 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
9 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
17 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
17 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
18 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
© Regiopress, All rights reserved