laRegione
maroggia-sara-un-mulino-piu-bio
Ti-Press
24.02.22 - 08:47
Aggiornamento: 14:47
di Malva Cometta

Maroggia, sarà un Mulino più... ‘bio’

Reportage dal cantiere e intervista al titolare Alessandro Fontana, che svela l’aspetto e l’operatività della nuova struttura, pronta a gennaio 2023

Più biologico, più performante e più agevole. A oltre due anni dal terribile incendio che l’ha distrutto, il Mulino di Maroggia è pronto per un nuovo capitolo. I lavori di ricostruzione sono avviati: dopo l’ottenimento della licenza edilizia, il completamento della parte edile è previsto per settembre, il montaggio dell’impiantistica e l’installazione elettrica per ottobre. «Dopodiché l’ideale sarebbe di arrivare a gennaio con tutto pronto e collaudato» spiega il titolare Alessandro Fontana. Il progetto costerà circa 12 milioni di franchi e, grazie all’iniziativa di solidarietà #iosonoilmulino, ne sono stati garantiti finora 80mila. Siamo andati sul cantiere per fare il punto.

Agevolazioni con il maltempo

Il piano prevede l’edificazione di una torre nello stesso punto in cui sorgeva la precedente, distrutta dalle fiamme, accanto a quella ancora intatta; la ricostruzione del corpo principale in cui avverrà la produzione della farina; un’entrata sul lato della strada per le operazioni di carico e una per lo scarico del grano; la creazione di un mulino per la polenta e infine il risanamento della parte bruciata, con l’idea di mantenere l’architettura originaria di mattoni e finestre ad arco. Sono previste inoltre agevolazioni per la consegna del frumento, del grano duro e della segale per i coltivatori regionali. «Prima i contadini faticavano per portare la materia base fino al vagone del treno perché non c’era spazio tra l’edificio e il binario. Ora sarà possibile scaricarla anche con il maltempo perché con il sistema nuovo la fossa di consegna è coperta», spiega il titolare.

Proprio grazie a questa miglioria il Mulino è stato inserito nel Progetto di Sviluppo Regionale, «ci è stata riconosciuta un’importanza per il settore primario: i cereali li ritiriamo noi. Se così non fosse dovrebbero essere smerciati in Svizzera interna e si perderebbe il valore aggiunto del locale» evidenzia Fontana.

Macchinari più performanti

La funzione delle due torri sarà quella di contenere la materia prima, per una capacità stimata di 1’200 tonnellate ciascuna. Il grano verrà poi trasferito nel corpo centrale dove oltre a essere lavorato verrà stoccato, imballato e preparato alla distribuzione. «Il processo di fondo è lo stesso – racconta il titolare ma cambiano i macchinari che sono più performanti e automatizzati e hanno un livello superiore di sanificazione, importante per la questione della contaminazione crociata tra i vari prodotti. Inoltre, attraverso un sistema di miscelazione saremo in grado di offrire prodotti ancora più su misura: la scelta sarà più ampia e personalizzabile».

Verso una produzione biologica

Un’altra importante differenza rispetto a prima è che grazie alla nuova struttura il Mulino potrà lavorare anche il prodotto biologico. «Sempre più contadini fanno la conversione da agricoltura convenzionale a biologica, e questo implica che il grano non viene trattato. Perciò ci sarà un nuovo spazio concepito affinché si possa conservare la materia e lavorarla in maniera congrua senza contaminazioni con gli altri prodotti e attraverso un macchinario di tecnologia avanzata», racconta Fontana. Questo macchinario è una delle tecnologie più avanzate nel campo della lavorazione dei cereali e anche uno degli strumenti principali per la produzione biologica. Si tratta di una macchina dotata di selezione ottica che attraverso tre telecamere identifica i chicchi di grano colpiti da un fungo chiamato fusariosi e li espelle. «Questo strumento è importante nell’ottica della lavorazione bio perché laddove non si possono usare fungicidi, i funghi crescono e bisogna quindi essere in grado di selezionarli. Con i metodi tradizionali che sono basati sulla differenza di peso, non era possibile distinguere tra i chicchi con fusariosi e quelli senza perché il peso non variava in maniera rilevante».

Macinate fra 50 e 55 tonnellate al giorno

«Il potenziale di un mulino – sottolinea il titolare – si misura in base alla capacità di macinazione sulle 24 ore. Il nuovo impianto ci permetterà di funzionare 24 ore su 24, quindi andremo a concentrare la produzione in due o tre settimane al mese. L’impianto lavora meglio se non si ferma. Saranno macinate tra le 50 e le 55 tonnellate di prodotto al giorno. Avremo quindi più tempo per eseguire le miscele, gli imballaggi, la gestione del magazzino. Ci sarà una razionalizzazione». Un altro progetto dell’azienda, nato nel 2018, è Homebaker, un E-commerce che «permette di dialogare con il cliente e rifornirlo direttamente. Grazie a questo sistema i nostri prodotti hanno varcato i confini della Svizzera, per arrivare fino in Germania».

«La difficoltà è quella di gestire un progetto di dimensioni importanti in tempi brevissimi con in parallelo un’azienda completamente funzionante. Però siamo pronti per affrontare questo nuovo capitolo, per risorgere dalle ceneri, che ci hanno permesso di crescere e migliorare» conclude Fontana volgendo lo sguardo al futuro.

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro fontana maroggia mulino maroggia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
4 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
13 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
15 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
16 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
17 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
17 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
19 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
22 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved