laRegione
mulino-di-maroggia-un-anno-dopo-attendiamo-la-licenza
Poche ore dopo l’incendio (archivio Ti-Press)
laR
 
23.11.21 - 05:30

Mulino di Maroggia, un anno dopo: ‘Attendiamo la licenza’

È passato un anno dal rogo che ha distrutto la struttura. I ricordi e le prospettive future del titolare Alessandro Fontana

«Abbiamo sempre solo guardato avanti e forse questa è stata l’arma vincente per non lasciarci cadere». Sono passati 365 giorni, esattamente un anno, dall’incendio scoppiato poco prima delle 17 del 23 novembre 2020. Una data che segnerà per sempre la storia del Mulino di Maroggia e che ha generato una vera e propria gara di solidarietà. Le cause che hanno portato al rogo non hanno potuto essere accertate. Il titolare Alessandro Fontana preferisce comunque pensare al futuro piuttosto che al passato – «siamo in attesa della licenza edilizia per iniziare i lavori di ricostruzione» –, ma con lui ripercorriamo quegli indimenticabili minuti.

‘Quelle fiamme molto importanti’

«Avevamo appena terminato delle riprese e interviste con un nostro partner svizzero tedesco – ricorda Fontana –. Quel giorno avevamo fatto solo una produzione sul giorno e stavamo preparando quella per il giorno successivo: alle 16.30 gli operai sono andati a casa, l’ultimo magazziniere è andato via verso le 16.40 ed eravamo rimasti solo noi del settore amministrativo». Alessandro Fontana stava lavorando nella parte rinnovata quando la segretaria «mi ha avvertito che c’erano delle fiamme. Affacciandomi alla finestra del magazzino ho visto che si vedevano già fiamme molto importanti: era evidente che non si trattava di un fuocherello che poteva essere spento con l’estintore perché stava già prendendo vigore». In attesa dell’arrivo dei pompieri, Alessandro Fontana si è mosso con una canna dell’acqua che veniva utilizzata per lavare i camion. «Sono un soccorritore della Croce Verde di Lugano e mi è capitato di vivere queste situazioni e nella mia carriera militare ho avuto anche una formazione pompieristica per cui mi sono mosso senza mettermi in pericolo anche perché, poco dopo, ci sono state due esplosioni». Sul posto, quella sera, hanno lavorato 80 pompieri. «Le operazioni di spegnimento sono durate 7 giorni: al mimino spostamento, le fiamme riprendevano aria e ripartivano – ricorda il titolare –. I lavori di sgombero sono iniziati subito dopo perché avevamo un grosso problema legato al grano fuoriuscito dalla torre bruciata, demolita in parte per poter accedere dagli scantinati, perché il prodotto organico con la pioggia inizia a fermentare». Da subito Alessandro ha guardato al futuro. «A dicembre avevamo già incontrato la ditta svizzera che produce impianti per i mulini e abbiamo iniziato con i progetti». Ne è seguito «un primo semestre dell’anno intensissimo» durante il quale è stato presentato il progetto tradotto nella domanda di costruzione che non ha incontrato opposizioni. «Spero che il cantiere possa iniziare già nelle prossime settimane – è l’auspicio di Fontana –. Noi, l’impresa di costruzione e il produttore di impianti siamo pronti: ci manca solo il via libera ufficiale».

Dodici mesi di lavoro

Tornando ai fatti, Fontana ricorda che «i primi mesi è stata dura perché le montagne di macerie erano lì a ricordare quanto successo. Dopo sgomberi e demolizioni è andata meglio perché almeno c’erano ordine, pulizia e le prerogative per iniziare a pensare al futuro». Per la creazione della struttura grezza, a cui va aggiunto il collaudo dei macchinari, serviranno 12 mesi di lavoro. «Un cantiere sprint – ammette Fontana –. Ma per noi ogni giorno conta». Dopo l’incendio, lo ricordiamo, la vendita della farina non si è mai fermata «grazie a un collega, che prima di tutto è un amico, che il giorno dopo si è messo a disposizione». Il martedì successivo «eravamo di nuovo operativi per i clienti anche perché questi sono periodi caldi per il settore».

Solidarietà senza confini

I lavori previsti a Maroggia costeranno 10-12 milioni. Le donazioni hanno finora garantito 50mila franchi. A questi si aggiungono i 30mila annunciati ieri da Migros, i suoi clienti e Jowa (la somma di 15mila franchi che è stata raccolta verrà raddoppiata dal Percento culturale di Migros Ticino). «Solidarietà e attenzione ricevute sono state eccezionali. Abbiamo ricevuto donazioni anche dalla Svizzera interna, dalla Germania e dall’Austria, dove siamo conosciuti grazie al nostro e-commerce – aggiunge Fontana –. Abbiamo avuto anche donazioni spontanee, come quella di una coppia di pensionati che si è presentata con 100 franchi in mano. Un gesto commovente che non ci saremmo mai aspettati perché sono gesti di affetto e vicinanza preziosi». Guardando al futuro, Alessandro Fontana è convinto del fatto che «ogni esperienza, bella o brutta che sia, fa ripartire più forte di prima». Per questo, quando il nuovo capitolo della storia del Mulino potrà ripartire, «saremo più performanti, avremo prodotti migliori di prima e un impianto tra i più moderni al mondo perché sarà uno degli ultimi costruiti – conclude il titolare del Mulino –. Dal profilo mio professionale, avrò il piacere di avere una struttura al passo coi tempi perché adeguiamo gli stabili ai nostri processi lavorativi: l’idea di avere un impianto funzionale, molto più ‘comodo’ da utilizzare e più facile da pulire sono aspetti che preferiamo guardare piuttosto che pensare allo stabile che non c’è più».

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Mulino di Maroggia, 'travolti dalla solidarietà'

'Difficile salvare qualcosa del Mulino di Maroggia'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro fontana incendio maroggia mulino rogo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
3 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante Giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
4 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’.
Luganese
6 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
Bellinzonese
9 ore
Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’
Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
9 ore
Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’
Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
16 ore
Una raccolta fondi per scendere più in profondità
L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore
In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore
A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
17 ore
Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’
Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
18 ore
Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero
L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
© Regiopress, All rights reserved