laRegione
tutela-rione-madonnetta-non-ogni-pericolo-e-scongiurato
Ti-Press
Edifici popolari da salvaguardare
09.02.22 - 17:47
Aggiornamento: 18:05

Tutela rione Madonnetta, ‘non ogni pericolo è scongiurato’

Così Nicola Schoenenberger, primo firmatario dell’interpellanza. Gli edifici sono stati inclusi nella variante di Pr ora al vaglio del Cantone

Salvi da ogni possibile speculazione edilizia gli edifici popolari del rione Madonnetta in via Marco da Carona a Lugano? La domanda, anzi, la preoccupazione, è al centro di un’interpellanza – primo firmatario, Nicola Schoenenberger (Verdi) – alla quale ieri sera ha risposto il municipale, Filippo Lombardi, capodicastero Sviluppo territoriale, informando che il rione Madonnetta è stato incluso nella variante di Piano regolatore attualmente all’esame del Cantone. Ma ora che sarà concluso l’iter della variante di Pr – dovrà passare in ultima analisi anche dal Consiglio comunale, fatta salva oltretutto la possibilità di ricorsi – potrebbero passare ancora diversi anni e dunque la salvaguardia del rione, una rara testimonianza di edilizia popolare degli anni 40 di proprietà della Cassa Pensioni di Lugano, potrebbe de facto non realizzarsi. È quanto, da noi interpellato, evidenzia Nicola Schoenenberger, che si è detto soddisfatto delle risposte fornite da Lombardi all’interpellanza (firmata da Ps/Verdi e Pc), ma che dichiara: «Non ogni pericolo è scongiurato, sebbene allo stadio attuale non vi siano domande di costruzione/demolizione per gli edifici del rione Madonnetta ma un progetto di ristrutturazione».

La cessione a un fondo di investimento

L’interpellanza prende spunto dalla notizia secondo cui lo scorso dicembre gli edifici del rione Madonnetta in via Marco da Carona e in via Giovanni Ferri sono stati ceduti a un fondo d’investimento del Canton Zugo (la Patrimonium Asset Management con sede a Baar) unitamente a dei terreni adiacenti. L’operazione consiste non in una vendita, bensì in una cessione con l’acquisizione di quote azionarie della società di Baar quale contropartita. Schoenenberger spera intanto che il Municipio attui misure di salvaguardia e provvisionali a favore del rione. Lombardi ha spiegato che il Municipio intende salvaguardare il bene culturale. Resta il fatto che la cronaca registra come contro la tutela del rione Madonnetta, decisa dal Consiglio comunale nel 2011 con una variante di Piano regolatore poi approvata dal Consiglio di Stato nel 2017, fu interposto ricorso da parte dei proprietari. Approdato al Tribunale amministrativo cantonale, il ricorso fu parzialmente accolto per cui è stato annullato il vincolo di protezione deciso in precedenza. Il Tram ha quindi rispedito il dossier alla Città chiedendo di giustificare maggiormente i presupposti della salvaguardia e la proposta di vincolo di tutela. Ora la notizia della nuova variante pianificatoria, che include anche la tutela del rione Madonnetta. Basterà?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
interpellanza lugano nicola schoenenberger rione madonnetta
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
1 ora
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
3 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
3 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
3 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
4 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10.15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved