laRegione
30.12.21 - 13:50
Aggiornamento: 14:10

Ex Macello, le spiegazioni del Municipio di Lugano

Il sindaco Michele Foletti ha ricevuto delega di ordinare l’evacuazione. Si cerca di convincere la persona rimasta sul tetto a scendere

ex-macello-le-spiegazioni-del-municipio-di-lugano
Ti-Press
Si cerca di convincerla a scendere

Il Municipio di Lugano ha preso posizione sulla rioccupazione abusiva dell’ex Macello avvenuta nel pomeriggio di ieri e che vede ancora la presenza di una persona sul tetto. “Sono in atto tentativi di convincerla a scendere a tutela della propria incolumità”, si legge in un comunicato.

Nella giornata di ieri il Municipio di Lugano si è riunito due volte e ha deciso di presentare denuncia penale per violazione di domicilio e impedire l’ulteriore entrata di occupanti all’interno dell’ex Macello. Ha inoltre “dato delega al sindaco Michele Foletti di ordinare l’evacuazione dell’ex Macello, dopo verifica delle condizioni operative con la polizia, quando possibile e a dipendenza dell’opportunità, nel pieno rispetto del principio della proporzionalità e di tutte le regole applicabili alle operazioni di polizia”. Il vicesindaco Roberto Badaracco è invece stato incaricato di “ricontattare gli occupanti – che lo avevano raggiunto telefonicamente nel pomeriggio con una richiesta di recupero degli effetti personali rimasti nell’ex Macello – per ribadire loro la totale disponibilità del Municipio a riconsegnare masserizie ed effetti personali ai legittimi proprietari, secondo le modalità già concordate con l’avvocato Costantino Castelli nel corso dell’estate”.
Quanto deciso dal Municipio “è stato messo in opera”.

Dopo l’evacuazione, su ulteriore richiesta di chi ancora rimaneva sul tetto, “il vicesindaco si è recato sul posto, ricevendo – oltre alla richiesta del recupero degli effetti personali – anche quella della liberazione dei due occupanti arrestati dalla magistratura a seguito del ferimento di un agente”. Quest’ultimo tema, sottolinea ancora la nota, “è evidentemente di competenza dell’autorità giudiziaria e non del Municipio”.

In merito alla richiesta degli effetti personali, “il Municipio precisa che fin da subito, dopo lo sgombero di fine maggio, è stata offerta la possibilità di recuperare gli oggetti rimasti negli spazi dell’ex Macello secondo una modalità definita con l’avvocato Castelli, al fine di procedere con una riconsegna ordinata degli oggetti ai legittimi proprietari ed evitare ulteriori denunce penali, come invece paventato dall’avvocazo Castelli”. Quest’ultimo “non ha mai dato seguito a quanto previsto e fino a oggi il Municipio non ha più avuto alcun riscontro o richiesta in merito”.

Sul canale Telegram ‘Controinforma-ti’ intanto si fa sapere che “la compagna continua a resistere sul tetto, richiedendo la scarcerazione dei due compas detenuti alla Farera e la liberazione di tutte le persone arrestate questa mattina”. All’esterno continua invece il presidio in solidarietà.

Leggi anche:

Gli autogestiti rioccupano l’ex Macello

Sgomberato l’ex Macello

Ex Macello, due arresti provvisori e 11 fermi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
5 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
7 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
9 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
9 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
9 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
10 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
11 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
12 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
12 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
13 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
© Regiopress, All rights reserved