laRegione
17.12.21 - 14:32
Aggiornamento: 17:07

Lugano, quando il conducente straniero non paga la multa

Dal 2018 al 2020, il totale degli introiti non incassati è dell’1% (101’000 franchi), mentre la Città ha percepito oltre dieci milioni di franchi

lugano-quando-il-conducente-straniero-non-paga-la-multa
Ti-Press/Archivio
Il blocco ‘Sheriff’ installato dalla polizia in caso di mancato pagamento di multe o a veicoli immatricolati all’estero

Sfiora i 101’000 franchi (l’1% degli introiti non incassati) il totale delle multe non pagate dagli automobilisti stranieri a Lugano dal 2018 al 2020. Lo si evince dalla risposta del Municipio all’interrogazione presentata da Ugo Cancelli e Urs Lüchinger (entrambi Plr) presentata nel gennaio del 2019. L’esecutivo, aggiornando la situazione al 25 novembre di quest’anno, precisa tuttavia che non si può parlare di un vero e proprio mancato pagamento definitivo delle contravvenzioni inflitte dalla polizia di Lugano. In parecchi casi, infatti, il saldo dell’infrazione avviene anche dopo un anno. In aggiunta, il Municipio spiega che l’anno scorso, a causa della pandemia, che ha ridotto i volumi di traffico, ha comportato il calo del 13% delle contravvenzioni. Le multe non pagate dagli automobilisti stranieri a Lugano hanno lasciato un buco di 12’830 franchi nel 2018, pari allo 0,4% di quanto ha incassato la polizia, ossia circa 3’544 franchi. La percentuale aumenta all’1,3% (pari a poco meno di 51’000 franchi), l’anno successivo sale all’1,4% (pari a circa 37’000 franchi). Ciò significa che la Città di Lugano in tre anni ha incassato oltre 10 milioni di franchi attraverso contravvenzioni.

I più indisciplinati? I francesi

Nella risposta, il Municipio fornisce inoltre il dato relativo alle multe non pagate suddiviso per i tre principali Paesi di provenienza dei conducenti. In estrema sintesi, su un totale di 8’170 multe, gli italiani non hanno saldato il 4,9%. Si dimostrano invece più indisciplinati i conducenti tedeschi, visto che su un totale di 315 multe, non ne hanno pagate il 6,66%, mentre i francesi su 77 multe, ne hanno saldate meno del 90%. Il problema, precisa il Municipio, è quasi sempre legato alle difficoltà di reperire gli indirizzi dei contravventori. Per l’Italia, non è possibile l’accesso al Pubblico registro automobilistico gestito dallo Stato italiano, nemmeno si possono avere informazioni dal Centro di cooperazione doganale di Chiasso. Per il resto d’Europa, la Divisione polizia può accedere al sistema Mofis, gestito dalla Confederazione, con i Cantoni e il Principato del Liechtenstein. L’esecutivo assicura che, per i pochi casi che ancora sfuggono alle procedure d’incasso, si valuteranno eventuali adeguamenti affinché le multe non pagate diminuiscano. Infine, per quanto riguarda l’impiego di apparecchi ‘blocca ruote’ (denominati sceriffi), la Città di Lugano li sta utilizzando da diversi anni, per importi arretrati pari e superiori ai 100 franchi, mentre per i veicoli con targhe straniere vengono bloccati quando i conducenti non sono reperibili e quando la vettura ostacola gravemente la circolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
16 min
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
3 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
7 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
7 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
15 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
15 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
16 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
17 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
17 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
17 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved