laRegione
10.12.21 - 17:37
Aggiornamento: 18:08

Ex Macello di Lugano, un’inchiesta finita in ‘farsa’

Il Cs()a il Molino commenta con sarcasmo il decreto di abbandono deciso dal procuratore generale Andrea Pagani

ex-macello-di-lugano-un-inchiesta-finita-in-farsa
Ti-Press
Le macerie dell’edificio abbattuto nella notte fra il 29 e il 30 maggio

“Non ci sorprende che il ricorso alla demolizione e all’intervento militare sia stata una decisione presa fin dal primo giorno della costituzione dello Stato Maggiore per gestire l’operazione Papi. Ossia la demolizione materiale dell’autogestione. Ad affermarlo sono le mail inviate il 12.03.2021 tra il vicecomandante della polizia di Lugano, Macchi, e lo Stato Maggiore, in cui veniva segnalato che, dopo lo sgombero del macello, si sarebbe potuto demolire lo stabile dormitorio degli occupanti. Davvero possibile che i comandanti della polizia cantonale Cocchi e quello della polcom di Lugano Torrente non ne sapessero niente?”. Il Cs()a il Molino commenta così il decreto di abbandono deciso dal procuratore generale Andrea Pagani, per l’inchiesta penale sullo sgombero e la demolizione di un edificio dell’ex Macello di Lugano. Una decisione che, secondo gli autogestiti, fa “emergere la netta ed evidente contrapposizione tra la parte poliziesca – che parla della chiara possibilità della demolizione di parte dello stabile, di scontri duri, di possibili feriti e addirittura di morti – e quella politica che, con un candore ipocrita e vigliacco, asserisce di non saperne niente della più volte ipotizzata demolizione”.

Il Cs()a il Molino ritiene che non sia rimasta alcuna traccia del “paventato effetto ‘degenerazione’ della manifestazione del 29 maggio”. Un effetto “preso a pretesto dal Municipio di Lugano come giustificazione dello sgombero. O probabilmente solo l’ultima delle beffe, quella che entra di diritto nello spazio temporale della menzogna, dell’infamia e della codardia. Qualificare infatti un’occupazione temporanea e rivendicativa di uno stabile in disuso e di prossima distruzione, è quanto di più assurdo e subdolo si possa prendere a giustificazione. Ad apparire ‘corretta’ risulta invece – paradossalmente – la scelta militare della distruzione della parte abitativa per impedire la possibile rioccupazione della struttura. Il risultato finora ottenuto è lì a dimostrarlo”.

Sempre per il Cs()a è “altresì derisorio, anche se tinto da vaghe sfumature inquietanti, che, ancora prima del nuovo interrogatorio a Karin Valenzano Rossi mercoledì 1 dicembre, il Pg già faceva sapere della sua intenzione di pronunciare un decreto d’abbandono. Una procedura decisamente poco seria che (...) dovrebbe far riflettere sulla credibilità delle così dette istituzioni”. Gli autonomi criticano e definiscono ‘preoccupante’ “la scelta di non interrogare i massimi vertici della polizia cantonale e comunale (Cocchi e Torrente) e il loro responsabile Norman Gobbi”. Insomma, per concludere Il C()sa parla di “una farsa. Uno stato delle cose perlomeno imbarazzante. Uno sfregio alla tanto decantata democrazia. E la conferma della sua natura ipocrita”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
14 min
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
1 ora
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
2 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
2 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
3 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
3 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
5 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
7 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
9 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime Elezioni cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
10 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
© Regiopress, All rights reserved