laRegione
26.11.21 - 11:19
Aggiornamento: 16:56

Ex Macello, Valenzano Rossi sarà sentita come imputata

Il procuratore generale Andrea Pagani accoglie parzialmente l’istanza del legale degli autogestiti Costantino Castelli. L’inchiesta riparte.

ex-macello-valenzano-rossi-sara-sentita-come-imputata
Ti-Press
Da persona informata sui fatti a imputata

La capodicastero Sicurezza della Città di Lugano Karin Valenzano Rossi sarà sentita dalla Magistratura come imputata nel caso della demolizione parziale dell’ex Macello, ventennale sede del Centro sociale autogestito il Molino. Il procuratore generale Andrea Pagani ha infatti parzialmente accolto la richiesta di supplemento di indagini volte ad accertare eventuali responsabilità penali durante la controversa notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi. Come noto, il pg ha prospettato circa un mese fa un decreto d’abbandono per l’inchiesta avviata in seguito alla denuncia dei Verdi per le ipotesi di reato di abuso d’autorità; abuso di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia; infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente; e danneggiamento. Ora, colpo di scena: l’inchiesta prosegue e la posizione processuale della municipale cambia.

A sollecitare e a ottenere la continuazione dell’inchiesta è stato l’avvocato Costantino Castelli, rappresentante degli autonomi. Pagani non ha invece accolto l’istanza dello stesso legale di interrogare altri testimoni: il consigliere di Stato e capodipartimento Istituzioni Norman Gobbi, il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi, il comandante della Polizia della Città di Lugano Roberto Torrente e l’ex capodicastero Sicurezza di Lugano Michele Bertini. Il magistrato non ha infatti ritenuto che le loro audizioni possano portare elementi nuovi alle indagini.

Ricordiamo che la municipale – esattamente come l’ex sindaco Marco Borradori, l’allora vice Michele Foletti e i colleghi di esecutivo Filippo Lombardi e Lorenzo Quadri – è già stata sentita nei mesi scorsi, ma in qualità di persona informata sui fatti. A loro differenza, tuttavia, è stata interrogata più di una volta.

Leggi anche:

Ex Macello: l’inchiesta riparte, si va ai supplementari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
27 min
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
4 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
6 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
10 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
10 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
13 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
© Regiopress, All rights reserved