laRegione
20.12.21 - 20:06
Aggiornamento: 22:12

Ex Macello di Lugano, ricorso contro il decreto d’abbandono

L’avvocato Costantino Castelli conferma: ‘Le conclusioni alle quali è giunto il procuratore generale Andrea Pagani non sono convincenti’

ex-macello-di-lugano-ricorso-contro-il-decreto-d-abbandono
La macerie dell’edificio abbattuto (Ti-Press)

L’avvocato Costantino Castelli ha inviato oggi il ricorso contro il decreto di abbandono sull’inchiesta penale relativa allo sgombero e all’abbattimento di un edificio dell’ex Macello di Lugano. Un ricorso che era nell’aria, siccome, spiega il legale, «le conclusioni alle quali è giunto il procuratore generale Andrea Pagani nel suo decreto di abbandono, non ci hanno convinto, per cui il ricorso ci è parso come un atto dovuto per avere chiarimenti su quanto capitato nella notte fra il 29 e il 30 maggio». La ‘palla’ passa ora alla Corte dei reclami penali. La contestazione era attesa perché l’avvocato Castelli non era rimasto soddisfatto nemmeno dall’ultimo interrogatorio alla municipale di Lugano Karin Valenzano Rossi. Un interrogatorio, al termine del quale, lo stesso avvocato ha lasciato intendere una generale insoddisfazione, evidenziando, in estrema sintesi, di non aver ottenuti i chiarimenti richiesti. Il pg ha tuttavia spiegato i motivi che l’hanno portato al decreto di abbandono in relazione alle ipotesi di reato di abuso di autorità, di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia, di infrazione alla Legge federale sulla protezione dell’ambiente e di danneggiamento. Il magistrato non ha individuato l’intenzionalità, per quanto riguarda l’ipotesi di reato più grave, ossia l’abuso di autorità. L’inchiesta, ha precisato Pagani, ha consentito di stabilire che il Capo impiego dello Stato Maggiore e un ufficiale della Polizia comunale di Lugano hanno chiesto alle 21.20 (del 29 maggio scorso, ndr.) alla titolare del Dicastero sicurezza della Città l’autorizzazione all’abbattimento del tetto ed eventualmente di una parete dello stabile. E Valenzano Rossi, in seguito, ha ottenuto telefonicamente il consenso da altri tre colleghi d’esecutivo cittadino (Marco Borradori, Michele Foletti e Filippo Lombardi, mentre non sono stati interpellati Lorenzo Quadri, Cristina Zanini Barzaghi e Roberto Badaracco). La decisione sulla demolizione parziale di un edificio riguardava un bene giuridico di valore inferiore rispetto al bene giuridico minacciato dal pericolo, ossia l’incolumità fisica dei protagonisti, secondo Pagani che ha peraltro criticato il pasticcio comunicativo avvenuto quella notte di fine maggio, fra chi era al fronte e ha ricevuto via WhatsApp la planimetria del sedime e ha capito che andava demolito tutto, quando invece era interessata dalla misura soltanto una parte dello stabile.

Leggi anche:

Ex Macello, confermato il decreto di abbandono

Le ruspe hanno demolito il Molino

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
2 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
3 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
3 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
5 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
5 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
6 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
8 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
10 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
10 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
© Regiopress, All rights reserved