laRegione
19.08.21 - 17:42
Aggiornamento: 18:03

'Senza immissioni in centro a Lugano per il trasporto merci'

Da lunedì via a progetto pilota. Appello della Città a commerci e aziende ad aderire all'esperimento ecologico. Presto la svolta per levare i Tir da piazze e vie

di Guido Grilli
senza-immissioni-in-centro-a-lugano-per-il-trasporto-merci
TI-PRESS
Filippo Lombardi e Karin Valenzano Rossi

Via gli inquinanti e rumorosi Tir dal centro città in distribuzione di merci a negozi, commerci e aziende. E dislocazione delle merci nell'area dei bus turistici in via Ciani e relative consegne con veicoli ecologici. È questo, in estrema sintesi, l'obiettivo del progetto 'Logistica cittadina a emissioni zero' presentato oggi a Palazzo civico dai municipali, Filippo Lombardi, capo dicastero sviluppo territoriale e Karin Valenzano Rossi, responsabile del dicastero sicurezza e spazi urbani.

Si comincia lunedì 

Si comincia lunedì prossimo, con un progetto pilota della durata di 6 mesi, per poi giungere a una definizione vera e propria attraverso un messaggio municipale che il Municipio di Lugano sottoporrà a ottobre al Consiglio comunale con una richiesta di credito di 200 mila franchi, di cui 30 mila richiesti tramite sussidio federale nell'ambito di 'Svizzera Energia' e inizio del progetto nel gennaio 2022. Lombardi, che ha esordito - «non è facile prendere la parola nella prima conferenza stampa, dopo la scomparsa del sindaco Borradori che oggi sarebbe stato con noi. Cerchiamo di essere degni di lui» - addentrandosi poi nel tema. Un tema, quello del trasporto delle merci nelle città, che «tocca il mondo intero. La sensibilità della Città alle emissioni foniche e inquinanti è aumentata». Di qui l'idea di rivoluzionarie il sistema, rendendo un favore al pianeta Terra e ai suoi abitanti. I veicoli giungeranno in un altro luogo, fuori dal centro, in via Ciani. Questo grazie a una collaborazione con la società Camion Transport Sa, che collabora con Saetta Verde. Per i prossimi sei mesi i pacchi fino a 30 chili destinati al centro di Lugano potranno essere depositati dalle aziende che aderiranno al progetto in un apposito container e saranno quindi consegnati con veicoli elettrici di piccole dimensioni - come ha spiegato il responsabile della società anonima, Giuseppe Di Iorio. 

Karin Valenzano Rossi ha dal canto suo rivolto un appello alle aziende a partecipare al progetto pilota, il cui esperimento sarà utile per affinare il progetto principale nei prossimi mesi. «La situazione attuale vede Piazza della Riforma, Piazza Dante e via Nassa giornalmente occupate da Tir per merci a commerci e negozi» - ha spiegato la municipale. La relativa Ordinanza, oggi in vigore, sarà modificata. Intendiamo limitare le forniture dalle 8 alle 10»

ll progetto ha già dato buoni frutti in altre città svizzere e sarebbe per il Ticino una 'prima'. Destinatari di questo servizio? Fornitori, commerci, esercizi pubblici, aziende logistiche e anche privati. Gli interessati sono invitati ad aderire al progetto pilota, annunciandosi alla sezione amministrativa della polizia della città di Lugano (058 866 80 35 o seam@lugano.ch). Giuseppe Di Iorio ha spiegato: «Il progetto guarda al futuro: possediamo camion ibridi e da poco abbiamo un camion a idrogeno. Se non investimento oggi nell'ecologia tra 10 anni sarà troppo tardi. Non sarà possibile togliere tutti i camion dal centro subito, ma già il fatto di eliminare i diversi piccoli rifornimenti sarà utile». 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 min
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
4 min
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
18 min
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
24 min
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
27 min
Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
1 ora
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
2 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
4 ore
Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
6 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
6 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
© Regiopress, All rights reserved