laRegione
19.08.21 - 17:42
Aggiornamento: 18:03

'Senza immissioni in centro a Lugano per il trasporto merci'

Da lunedì via a progetto pilota. Appello della Città a commerci e aziende ad aderire all'esperimento ecologico. Presto la svolta per levare i Tir da piazze e vie

senza-immissioni-in-centro-a-lugano-per-il-trasporto-merci
TI-PRESS
Filippo Lombardi e Karin Valenzano Rossi

Via gli inquinanti e rumorosi Tir dal centro città in distribuzione di merci a negozi, commerci e aziende. E dislocazione delle merci nell'area dei bus turistici in via Ciani e relative consegne con veicoli ecologici. È questo, in estrema sintesi, l'obiettivo del progetto 'Logistica cittadina a emissioni zero' presentato oggi a Palazzo civico dai municipali, Filippo Lombardi, capo dicastero sviluppo territoriale e Karin Valenzano Rossi, responsabile del dicastero sicurezza e spazi urbani.

Si comincia lunedì 

Si comincia lunedì prossimo, con un progetto pilota della durata di 6 mesi, per poi giungere a una definizione vera e propria attraverso un messaggio municipale che il Municipio di Lugano sottoporrà a ottobre al Consiglio comunale con una richiesta di credito di 200 mila franchi, di cui 30 mila richiesti tramite sussidio federale nell'ambito di 'Svizzera Energia' e inizio del progetto nel gennaio 2022. Lombardi, che ha esordito - «non è facile prendere la parola nella prima conferenza stampa, dopo la scomparsa del sindaco Borradori che oggi sarebbe stato con noi. Cerchiamo di essere degni di lui» - addentrandosi poi nel tema. Un tema, quello del trasporto delle merci nelle città, che «tocca il mondo intero. La sensibilità della Città alle emissioni foniche e inquinanti è aumentata». Di qui l'idea di rivoluzionarie il sistema, rendendo un favore al pianeta Terra e ai suoi abitanti. I veicoli giungeranno in un altro luogo, fuori dal centro, in via Ciani. Questo grazie a una collaborazione con la società Camion Transport Sa, che collabora con Saetta Verde. Per i prossimi sei mesi i pacchi fino a 30 chili destinati al centro di Lugano potranno essere depositati dalle aziende che aderiranno al progetto in un apposito container e saranno quindi consegnati con veicoli elettrici di piccole dimensioni - come ha spiegato il responsabile della società anonima, Giuseppe Di Iorio. 

Karin Valenzano Rossi ha dal canto suo rivolto un appello alle aziende a partecipare al progetto pilota, il cui esperimento sarà utile per affinare il progetto principale nei prossimi mesi. «La situazione attuale vede Piazza della Riforma, Piazza Dante e via Nassa giornalmente occupate da Tir per merci a commerci e negozi» - ha spiegato la municipale. La relativa Ordinanza, oggi in vigore, sarà modificata. Intendiamo limitare le forniture dalle 8 alle 10»

ll progetto ha già dato buoni frutti in altre città svizzere e sarebbe per il Ticino una 'prima'. Destinatari di questo servizio? Fornitori, commerci, esercizi pubblici, aziende logistiche e anche privati. Gli interessati sono invitati ad aderire al progetto pilota, annunciandosi alla sezione amministrativa della polizia della città di Lugano (058 866 80 35 o seam@lugano.ch). Giuseppe Di Iorio ha spiegato: «Il progetto guarda al futuro: possediamo camion ibridi e da poco abbiamo un camion a idrogeno. Se non investimento oggi nell'ecologia tra 10 anni sarà troppo tardi. Non sarà possibile togliere tutti i camion dal centro subito, ma già il fatto di eliminare i diversi piccoli rifornimenti sarà utile». 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
30 min
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
2 ore
San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola
Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
© Regiopress, All rights reserved