laRegione
Mezzovico
23.07.21 - 15:47
Aggiornamento: 16:59

San Mamete torna a risplendere a Mezzovico

Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale

di Gianluca Albisetti
san-mamete-torna-a-risplendere-a-mezzovico
La chiesa di san Mamete (Ti-Press)

Una struttura riconsegnata alla popolazione. È così che la commissione Restauri San Mamete definisce la nuova chiesa che sorge poco sotto al paese di Mezzovico: ''È un monumento storico d'importanza cantonale e federale. La ristrutturazione di San Mamete va a chiudere il cerchio iniziato con il restauro della chiesa di sant'Abbondio a Mezzovico nel 1996 e proseguito con la riattazione di Sant'Antonio Abate a Vira nel 2000'', spiega la commissione, che sottolinea l'importanza di queste tre operazioni, che hanno riportato ''all'antico splendore le tre chiese più importanti presenti sul nostro territorio, con impegno, sacrificio e investimenti non indifferenti''. L'edificio cristiano è una costruzione romanica, eretta in più momenti tra il XV-XVI secolo. Poi ristrutturata tra il 1959 e il 1964, con interventi mirati alla valorizzazione degli elementi artistici e storici. Tuttavia, come spiega Endrio Ruggiero, caposervizio monumenti dell’Ufficio dei beni culturali, ''i lavori di restauro erano spesso eseguiti senza una necessaria documentazione storica e soprattutto erano caratterizzati da una mancanza di controllo durante l'esecuzione del restauro''. Negli anni sono poi stati eseguiti altri interventi volti ad arrestare il fenomeno di degrado della chiesa, che però, non sono stati sufficienti. 

Nel 2016 il via ai lavori

Era il 2012 quando il consiglio parrocchiale di Mezzovico, in accordo con l'ufficio cantonale dei beni culturali (Ubc), domandò alla commissione Restauri San Mamete di analizzare e attuare un restauro del monumento storico. Quattro anni dopo, nell'estate del 2016, partirono ufficialmente i lavori. L'intervento si è strutturato in due distinte fasi: la prima (2015-2017) ha prevalentemente comportato interventi sulle strutture esterne, mentre la seconda (2018-2020) si è concentrata sul restauro dell’apparato decorativo interno e la realizzazione di un nuovo arredo liturgico, che ha permesso una rinnovata fruizione dello spazio e dell'apparato decorativo restaurato. Durante i primi scavi vennero scoperte anche trentuno sepolture di scheletri, che rallentarono di qualche settimana la tabella di marcia.

Ma chi era san Mamete?

''Di lui la storia ci dice poco, ma la pietà popolare veicola fino a noi una profonda venerazione per questo e altri testimoni sconosciuti predicatori del Vangelo, che nel loro tempo e secondo le loro possibilità hanno realizzato e attuato l'insegnamento di Gesù Cristo'', annota il parroco Pietro Borelli. ''Oggi − continua il parroco − in parecchie nazioni europee e nella nostra Patria molte chiese vengono vendute per mancanza di "Comunità" o per motivi economici; noi, grazie alla collaborazione di enti pubblici e privati e alla collaborazione della comunità, abbiamo voluto restaurare e conservare questa bellissima chiesa, che ci richiama la testimonianza cristiana di coloro che ci hanno preceduto nei secoli''.

La nuova inaugurazione

L'appuntamento per l'inaugurazione è per domenica 22 agosto alle 10, nella chiesa di San Mamete a Mezzovico. Il programma prevede la Santa messa presieduta dal vescovo Valerio Lazzeri e a seguire la presentazione ufficiale e l'aperitivo. ''Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo importante intervento di restauro e conservazione di un monumento storico e religioso, caro alle nostre comunità e tramandato nei secoli da chi ci ha preceduti. Che possa rimanere un punto di riferimento anche per le future generazioni'', scrive la commissione Restauri San Mamete, evidenziando in conclusione l'importanza della memoria, definendola «indispensabile per trattenere i nostri ricordi e per progettare il futuro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
15 min
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
15 min
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
15 min
Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra
L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
6 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
9 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
10 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
11 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
13 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
13 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
13 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
© Regiopress, All rights reserved