laRegione
08.09.21 - 15:36

Ampio restauro in vista per la chiesa parrocchiale di Ascona

Recupero e conservazione, ma pure ‘domotica’ per la gestione di tutti gli impianti tramite tablet. Investimento totale: 3,2 milioni di franchi

ampio-restauro-in-vista-per-la-chiesa-parrocchiale-di-ascona
L'esterno (Ti-Press)

Importante restauro conservativo in vista per la chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo ad Ascona. L'investimento totale previsto per ridare smalto al monumento storico ammonta a 3,2 milioni di franchi e sarà coperto in parte dal Cantone (25 per cento), dalla Confederazione (25 per cento), dal Comune (10 per cento, pari a circa 320mila franchi) e dalla locale Parrocchia (1,4 milioni).

Per la parte a carico del Comune, il Municipio chiederà prossimamente un credito al Legislativo. «Questo restauro conservativo saprà restituire all'intera comunità di Ascona un monumento rinnovato, significativo dal punto di vista storico, architettonico e artistico, di grande rilevanza per il passato, ma soprattutto per il futuro della popolazione – indica il Municipio –. Luogo tanto significativo da essere richiamato, e ci si riferisce alle chiavi di San Pietro, anche sul vessillo comunale».

In generale l'edificio si trova in condizioni di conservazione discrete e denota i segni di un normale processo d'invecchiamento. Solo in alcune parti il degrado è tanto grave da sollecitare una certa urgenza. In particolare per alcuni difetti e deterioramenti della carpenteria, per diverse lesioni nelle murature perimetrali, per la corrosione dei tiranti della cella campanaria e per l'indebolimento della muratura del campanile dovuto al dilavamento della malta dei giunti fra le pietre d'angolo.

Il progetto di restauro è ad ampio raggio. Si va dal rifacimento dei tetti in piode (campanile compreso) al rinforzo della carpenteria, passando per le opere da lattoniere, il risanamento della muratura di pareti e volte, l'intonacatura e il tinteggio all'esterno e all'interno, la conservazione dei dipinti murali e dei decori, come pure lo smontaggio e il rimontaggio dell'organo per permettere il recupero della cappella di San Giovanni. Non mancheranno concessioni alla modernità e alla “domotica”: per semplificare l'uso di diversi impianti della chiesa (luci, audio, riscaldamento, campane e orologio), si prevede di automatizzarne e centralizzarne la gestione tramite uno schermo tattile (tablet), che verrà installato vicino all'ingresso della sagrestia. Per quanto riguarda i dipinti su tela (in particolare quelli di Giovanni Serodine) sono previste analisi preliminari per valutare eventuali restauri conservativi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
3 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
4 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
4 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
7 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
7 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
8 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
8 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
14 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
15 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
© Regiopress, All rights reserved