laRegione
laR
 
26.01.21 - 18:07
Aggiornamento: 02.02.21 - 19:55

Polo sportivo, oltre cento domande al Municipio di Lugano

Tante le questioni e le criticità sollevate sui due messaggi dai commissari della Gestione. Chiesti lumi in merito agli impatti finanziari

polo-sportivo-oltre-cento-domande-al-municipio-di-lugano
Il progetto del Polo sportivo e degli eventi (comparto Cornaredo) nelle sue varie fasi (Infografia laRegione)

Sono più di cento le domande scritte che i commissari della Gestione sottoporranno al Municipio sui due messaggi destinati a cambiare il volto del comparto di Cornaredo con l'attuale stadio. In base alle risposte ricevute dai servizi, potrebbero giungerne altre. Come noto, uno riguarda l'accordo generale di partenariato pubblico privato tra la Città di Lugano, Hrs Real Estate Ag e Credit Suisse, per la realizzazione del Polo sportivo e degli eventi (Pse), l'altro è il credito di costruzione – 37,2 milioni di franchi – per il Centro sportivo Al Maglio di Canobbio. Più o meno la metà delle questioni che dovrebbero giungere sul tavolo di Palazzo civico già oggi o nei prossimi giorni provengono dal gruppo Ps-Pc e Forum Alternativo (Fa), i cui commissari, alla luce delle criticità e della complessità del dossier stanno pensando a un eventuale presentazione di un rapporto di minoranza. Ma andiamo con ordine.

Cantone braccino corto e zero dai Comuni

Buona parte delle domande chiedono spiegazioni sul'accordo siglato con il gruppo di privati, sono di carattere finanziario e vogliono conoscere quale sarà l'impatto sull'erario cittadino, quanto aumenterà il fabbisogno scaturito dai progetti e come la Città intende farvi fronte. Non solo. Il Municipio viene chiamato in causa sul 'misero' finanziamento concesso dal Cantone che, rispetto all'investimento totale valutato in 230 milioni di franchi (nell'ipotesi di durata residua di 27 anni del diritto di superficie), si limita a metterne 7, attraverso il Fondo Sport Toto. In merito, il Consiglio di Stato dovrà rispondere all'interrogazione presentata al inizio anno. Richiesti inoltre i motivi per i quali non sono stati coinvolti finanziariamente perlomeno i Comuni del Luganese, visto che l'operazione è di portata cantonale. Per il Pse, il Municipio ha presentato quattro opzioni di contratto con i privati. Fra l'altro si vuole conoscere qual è lo spazio di manovra concreto per il legislativo nella presentazione di eventuali emendamenti per non far saltare l'accorso. Ogni scelta ha ripercussioni finanziarie diverse da chiarire fino in fondo, considerato l'ingente debito verso terzi della Città (circa 950 milioni di franchi).

Quattro scenari, quali impatti?

La prima opzione prevede il riacquisto immediato dell’Arena sportiva (As) quando sarà costruita e la consegna a un prezzo pari al costo determinante dedotte eventuali pene convenzionali per ritardi. In questo caso, il leasing decade e la Città diviene proprietaria dell’As. La seconda strada è quella di versare una rata di ammortamento iniziale, così da ridurre gli oneri dei canoni di leasing. Inoltre, c'è la possibilità, dopo cinque anni, di versare ogni anno rate di ammortamento straordinario che vengono imputate sull’investimento determinante residuo, per ridurre i successivi oneri di leasing. Infine, la quarta via prevede, dopo cinque anni e per ogni anno successivo, la possibilità di riacquisto dell'As al prezzo dell’investimento determinante residuo, ossia dedotte tutte le rate di ammortamento (ordinarie, iniziale e straordinarie) già pagate. Il gruppo Ps-Pc e Fa, vuole sapere se è corretto, nell’ipotesi di una durata residua di 27 anni del diritto di superficie, che gli oneri a carico della Città (ammortamento e remunerazione dell’investimento) sulla base dell’attuale tetto dei costi sono quantificabili in circa 132 milioni di franchi per l’AS e di poco più di 96 milioni per il Palazzetto dello sport (Ps). Altre questioni riguardano la forma dei contratti, perché all’accordo generale di Ppp per il Pse ne seguiranno altri di dettaglio. 

Personale nella torre est, vantaggi e svantaggi

Continuerà a far discutere anche il previsto spostamento di parte del personale dal centro, soprattutto dei dipendenti attivi in via della Posta nell'ambito del progetto di nuova amministrazione. Tante le domande sul cosiddetto Salu (Spazi dedicati all’amministrazione comunale). I servizi amministrativi (esclusa Polizia comunale) per i quali è stato ipotizzato un trasferimento in una sede unica (nella torre est) occupano 14 stabili dove lavorano 298 dipendenti. Nel messaggio sono presentati tre scenari: lasciare tutto com'è ora, considerato il peggiore dall'esecutivo; ristrutturare i 14 immobili, con un costo stimato in 44 milioni di franchi oppure riunire i servizi a Cornaredo, compresa la Polizia di Lugano che già ora sta 'stretta' in via Beltramina e in futuro sarà ancora peggio perché gli effettivi aumenteranno a 222. Per quanto riguarda via della Posta e il temuto svuotamento del centro (negato dall'esecutivo), nello studio di fattibilità illustrato nel messaggio si dimostra la possibilità di ricavare 57 appartamenti soprattutto di 2.5 e 4.5 locali) per 163 persone.

Nominati i relatori, perplessità da sinistra

Ieri sera la Gestione è tornata a riunirsi sul tema e ha discusso la mozione urgente presentata da una parte del Plr (primo firmatario Ferruccio Unternaerer) che chiede di deliberare in modo separato e compiuto sulle tre tappe distinte, per evitare che la seconda e la terza, che presentano ostacoli, criticità e ricorsi, ritardino quella delle infrastrutture sportive. Ebbene, come il preavviso municipale, anche il rapporto commissionale sostiene l'irrecivibilità della mozione senza entrare nel merito. Lo ha redatto il presidente della Gestione Lorenzo Beretta Piccoli, tranne i mozionanti che stanno valutando come procedere. I due messaggi non figureranno nell'ordine del giorno della seduta di Consiglio comunale di lunedì 8 febbraio. Nel frattempo la Gestione ha nominato i relatori dei due messaggi: per il Pse sono Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd), Lukas Bernasconi e Andrea Sanvido (Lega) e Raide Bassi (Udc), per il Maglio sono Peter Rossi (Plr) e Maruska Ortelli (Lega). Dal canto suo, il capogruppo Ps Carlo Zoppi mette in evidenza alcuni aspetti poco chiari del messaggio Pse «ogni lotto ha regole del gioco diverse che vanno approfondite. Quello relativo ai contributi sportivi (As e Ps) appare meno problematico perché consente maggiore flessibilità e la possibilità di riacquisto immediato da parte della Città che potrebbe andare sul mercato a negoziare crediti a tassi d'interesse più convenienti evitando gli oneri di un leasing più oneroso». Peraltro, continua Zoppi, «a livello di progetto non ci sono grossissime criticità, i partner scelti sono affidabili. Perplessità emergono piuttosto dal punto di vista della sostenibilità finanziaria dell'operazione. Forse alcuni oggetto presentano un costo troppo elevato e la componente Salu è la parte più interessante a livello di redditività per i privati. Nel complesso il messaggio, anche per via dell'ultimatum della Swiss Football League alla società Lugano calcio, pare comunque blindato o quasi».

Leggi anche:

Lugano, Polo sportivo e degli eventi: scelto il gruppo Hrs

Lugano, Polo sportivo ed eventi: ‘E la valenza cantonale?’

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Lugano, 'si acceleri sul Polo sportivo'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
24 min
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
2 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
4 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
4 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
7 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
7 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
7 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
7 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
14 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
14 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
© Regiopress, All rights reserved