laRegione
19.01.21 - 15:21
Aggiornamento: 18:59

Casinò di Campione verso il concordato preventivo

Presentate l'istanza di ammissione e le linee guida relativa al piano di ristrutturazione del debito quantificato in 130 milioni di euro

di Marco Marelli
casino-di-campione-verso-il-concordato-preventivo
A piccoli passi verso la riapertura (Ti-Press)

Più tempo per predisporre il piano economico e finanziario a supporto della richiesta di ammissione al concordato preventivo, procedura consensuale, alternativa al fallimento della Casinò Campione d'Italia, è stato chiesto dalla Procura di Como e al vaglio dei giudici fallimentari del Tribunale lariano. È la richiesta formalizzata in mattinata al giudice delegato Marco Mancini dal legale della società di gestione della casa da gioco dell'enclave. A supporto dell'istanza, la Casinò Campione d'Italia ha presentato le linee guida relative al piano di ristrutturazione del debito quantificato dagli stessi giudici fallimentari in 130 milioni di euro. A questo proposito, in linea di massima, ci sarebbe già il consenso della quasi totalità di creditori, anche perché in caso di fallimento chi attualmente vanta crediti consistenti, come la Banca Popolare di Sondrio e i fornitori (una sessantina di milione di euro in due) si ritroverebbero con un pugno di mosche.

Inoltre, la Casinò Campione d'Italia nell'istanza presentata ieri mattina in Tribunale di Como, indica anche i possibili partner privati disposti ad affiancare il Comune socio unico della casa da gioco nella gestione del Casinò. Si tratta di quattro società, alcune delle quali straniere, che attive nel settore dei giochi, già presenti in Casinò, sarebbero disposte a finanziare la riapertura della ''cattedrale laica'' di Mario Botta. Si parla di un finanziamento pari a 25 milioni di euro. A questo punto la palla passa ai giudici fallimentari di Como, che già hanno fissato per il 1° febbraio l'udienza in cui sarà chiamato a deporre Marco Ambrosini, amministratore delegato della Casinò Campione d'Italia. In quella occasione l'Ad dovrà illustrare anche un piano industriale per rilanciare la casa da gioco chiusa da oltre due anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
3 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
15 ore
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
15 ore
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
15 ore
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved