laRegione
17.11.20 - 08:24
Aggiornamento: 13:12

'A Breganzona mancano spazi pubblici, servizi, verde'

Vivi Breganzona ha dato mandato a uno studio esterno per analizzare la vivibilità del quartiere, chiedendo al Municipio di intervenire nelle criticità

a-breganzona-mancano-spazi-pubblici-servizi-verde
Il nucleo di Biogno: totale assenza di verde pubblico

Se si pensa ai quartieri problematici della grande Lugano, Breganzona non è certamente il primo che viene in mente. Eppure, anche in collina di cose da migliorare ce ne sarebbero. E il Municipio non starebbe facendo a sufficienza. Ne è convinto Rolf Endriss, presidente di Vivi Breganzona. «Abbiamo un po' la percezione che qui ci sia la nostra tana, ma che il nostro tempo libero lo trascorriamo fuori dal quartiere. Durante il lockdown abbiamo riscoperto il chilometro zero, ma allo stesso tempo ci siamo resi conto delle lacune sul territorio e di quanto potrebbe offrire di più rispetto a oggi». Per questo, l'associazione nata dopo l'aggregazione con Lugano per valorizzare l'ex comune ha voluto analizzare gli ambiti dove si potrebbe fare di più, dando mandato allo studio Comal.ch. «Desideravamo avere un'analisi più 'scientifica', con basi solide per avviare un dialogo con il Municipio».

Nucleo e piazza Chiattone luoghi critici

«Negli ultimi decenni c'è stato un importante sviluppo edificatorio, ma per gli spazi comuni si è fatto poco – osserva Endriss –. Non si vive più il paese: è diventato una periferia, un dormitorio anche se è un'espressione che non amo. Un centro paese vero e proprio non c'è, come non ci sono una piazza né i presupposti per creare gli incontri, il dialogo quotidiano al di fuori degli eventi». E in effetti, proprio il nucleo di Breganzona e la piazza Chiattone sono risultati uno dei luoghi più critici secondo lo studio sotto diversi punti di vista: protezione e sicurezza, comfort, vivibilità. Criteri cardine applicati ai principali spazi pubblici del quartiere, che sono stati tutti oggetto di sopralluoghi. Risultato? Alcuni sono stati integralmente o quasi promossi, altri solo parzialmente, e altri ancora risultano i più problematici. Oltre al nucleo, anche la zona del centro civico, le scuole elementari est e via Visano.

'Il nucleo di Biogno è interamente asfaltato'

Per quanto riguarda protezione e sicurezza, si è tenuto conto di fattori legati al traffico, ma anche più pratici quali ad esempio i ripari contro la pioggia e il vento. Nell'ambito della vivibilità è il verde pubblico a farla da padrone, ma anche la manutenzione degli elementi che caratterizzano gli spazi pubblici. L'accessibilità è invece al centro dei criteri legati al comfort, con l'esigenza di avere spazi accessibili ad anziani, famiglie con passeggini, disabili. Per quanto riguarda il primo punto, un grosso punto critico in molti spazi è l'assenza di illuminazione, che unitamente all'assenza di attività notturne contribuisce alla percezione di scarsa sicurezza serale. Passando al verde, il giudizio "è globalmente positivo". Tuttavia, non sempre il verde è ben accessibile e fruibile, perché impervio o inadatto come in piazza Chiattone. Ma la situazione peggiore riguarda il nucleo di Biogno, che è interamente asfaltato e senza elementi verdi. Infine, l'accessibilità: "La maggior parte degli spazi presenta dei problemi". Scalini, bordature importanti, pendenze eccessive: gli ostacoli non mancano. In particolar modo, secondo lo studio risulta che quasi la metà della popolazione di Breganzona (il 48%), residente in particolare a est e a nord, non è servita da aree accessibili nel raggio di 300 metri.

Mancano servizi igienici, cestini, posteggi per bici

Un capitolo a sé lo merita poi il bosco. «A me quest'estate è capitata una cosa mai successa – ci dice il presidente della pro loco –: vedere nei boschi di Breganzona turisti romandi o svizzerotedeschi». Anche lo studio riconosce che "è molto raro per un quartiere urbano e posizionato al centro di un agglomerato poter beneficiare di una superficie boschiva così ampia". Ottime potenzialità, per residenti e turisti, quindi. Ma? Soprattutto nel parco naturale Bosco al Perato "si è tuttavia constata una mancanza di cura negli elementi, che ne diminuiscono purtroppo l'attrattività". E i punti critici non finiscono purtroppo qui: ci sono sette parchi gioco ma la loro distribuzione sul territorio non è omogenea; non vi sono spazi dedicati alle grigliate; non vi sono servizi igienici pubblici; solo una minima parte delle ampie superfici verdi è a uso pubblico; c'è carenza di posteggi per biciclette e in generale di infrastrutture per le due ruote come ad esempio di postazioni bikesharing; non ci sono zone d'incontro, ossia dove il limite di velocità è di 20 chilometri all'ora.

'Cerchiamo il dialogo col Municipio'

Lo studio propone anche una serie di soluzioni. In primis, l'allestimento di nuovi spazi pubblici in quattro aree: via San Carlo, via Lucino/via Rovere, via Lucino/via Casarico, via al Perato. Secondariamente, il miglioramento degli spazi attuali: illuminazione in tutte le aree sprovviste, maggior accessibilità, infrastrutture per lo svago (panchine con tavoli, postazioni per il grill), più parchi gioco e posteggi per biciclette. Infine, una messa in rete delle aree verdi. Pur disponendo Breganzona già di una buona rete pedonale, questa andrebbe ulteriormente migliorata grazie a interventi puntuali, come l'aggiunta di attraversamenti pedonali. «Abbiamo fatto questo studio, non per avere uno scontro con le autorità cittadine, ma per dare credibilità alle nostre tesi – sottolinea Endriss –. È stato fatto un investimento importante, che andava fatto se desideravamo che questi argomenti entrassero nell'agenda politica del Comune. Noi cerchiamo il dialogo». 

'La Città è latitante nelle periferie'

Un dialogo che l'associazione ha già cercato con l'esecutivo, che tuttavia «ha dimostrato una certa latitanza». «Abbiamo avuto un'ottima prima interazione, ma purtroppo senza alcun seguito. Abbiamo presentato delle piccole richieste, ma senza un riscontro. Come associazione non ci sentiamo molto ascoltati, come anche la commissione di quartiere, che viene a conoscenza di importanti decisioni riguardanti il territorio a giochi fatti». L'ex consigliere comunale valuta che «l'attenzione non è focalizzata in questa zona. Bisogna invece valorizzare anche le periferie, fare un cambio di paradigma: se vengono dati i presupposti per creare contatto, dialogo, movimento, automaticamente investono anche i privati con negozietti, attività, che fanno vivere il quartiere».

Domani un evento in streaming

Di questa stimolante iniziativa nata dal basso si parlerà in un evento in streaming che Vivi Breganzona ha organizzato per domani, mercoledì 18 novembre, fra le 18 e le 19.30. Sono previsti, fra gli altri, gli interventi di diversi municipali: Marco Borradori (sindaco e capodicastero Istituzioni), Michele Bertini (vice e capodicastero Sicurezza e spazi urbani), Angelo Jelmini (capodicastero Sviluppo territoriale). «Ci aspettiamo una presa di posizione sullo studio che abbiamo fatto e poi capire se daranno seguito agli spunti emersi e se verremo coinvolti, per rafforzare questo dialogo che sembra esserci sulla carta ma è poco efficace».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
4 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
11 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
12 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
14 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
16 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
17 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
19 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
© Regiopress, All rights reserved