laRegione
18.01.20 - 06:00

I Trasporti pubblici luganesi compiono 20 anni

L'azienda festeggia oggi al Conza la sua storia, ripercorrendone le principali tappe: un viaggio iniziato a fine Ottocento

i-trasporti-pubblici-luganesi-compiono-20-anni

Compie vent’anni la Trasporti pubblici luganesi Sa (Tpl). Per l’occasione, l’azienda ha organizzato un evento, animato da Fabrizio Casati, che andrà in scena nella tarda mattina di oggi al Padiglione Conza di Lugano. Oltre alla musica e a intrattenimenti vari, nell’appuntamento celebrativo saranno ripercorse le principali tappe che hanno segnato il ventennale del passaggio a società anonima. Un’azienda poco più che maggiorenne le cui origini risalgono a ben 126 anni or sono. Come si evince dal sito della Tpl Sa, bisogna tornare almano al lontano 1894 quando venne fondata la “Società luganese dei Tramway elettrici” o a otto anni prima quando entrò in funzione la funicolare della stazione (cfr. infografia accanto).

Quello che viene celebrato oggi assieme ai dipendenti è invece la ripresa dell’esercizio dell’Azienda comunale dei trasporti (Actl) che cambia il nome in Tpl Sa e soprattutto cambia natura giuridica passando dalla forma della municipalizzata alla società anonima. Un cambiamento attraverso il quale vengono introdotti meccanismi decisionali simili a quelli dell’economia privata che consentono di apportare più rapidamente modifiche e innovazioni nell’organizzazione e nell’offerta. Un cambiamento epocale nella gestione dell’azienda che, da quel momento, non appartiene più soltanto alla Città e offre un servizio di respiro regionale. E, alla luce dell’esperienza maturata, il presidente della Tpl Sa Angelo Jelmini giudica positivamente questa trasformazione, perché «nell’azionariato e nel Consiglio di amministrazione della società sono confluiti altri enti pubblici, come il Cantone e i Comuni della cintura urbana serviti, che contribuiscono al suo finanziamento, e la rappresentanza sindacale. Una scelta vincente dal profilo dell’operatività che ha reso più snella l’azienda in cui la Città continua ad avere la maggioranza». Ma anche dal profilo del personale: ora Tpl ha un contratto collettivo di lavoro che Jelmini considera buono e «questo ci permette di essere presenti anche nel mercato del lavoro in maniera positiva e propositiva dal punto di vista delle offerte».

Ottima è pure la collaborazione con le altre aziende di trasporto attive sul territorio, come la Ferrovie luganesi Sa (Flp), le Autolinee regionali luganesi Sa (Arl) e l’AutoPostale. «Alla luce dell’esperienza vissuta in questi anni, il rapporto con gli altri attori attivi nell’agglomerato è stato sicuramente positivo» chiosa Jelmini. Intanto, i passeggeri trasportati continuano ad aumentare anche grazie al potenziamento del servizio, soprattutto negli ultimi anni. Le cifre parlano chiaro: dal sito della Tpl si legge che siamo a ben 13 milioni di utenti che hanno utilizzato i mezzi dell’azienda che percorre ben 2,7 milioni di chilometri all’anno, conta attualmente 15 linee, per un totale di 70 km, con 285 fermate e un parco veicoli di 74 autobus. Cifre destinate ad aumentare a fine anno con l’entrata in vigore del nuovo orario che comporterà un significativo potenziamento del servizio. Nel frattempo, ci anticipa Jelmini, «una trentina di nuovi autisti sono già stati assunti e le aspettative di personale per i prossimi anni sono coperte». È ancora in corso, invece, l’acquisizione di ulteriori mezzi di trasporto per far fronte alle prestazioni maggiorate richieste a partire dal prossimo mese di dicembre. Per quanto riguarda l’autorimessa futura al Piano della Stampa, «questa ha un percorso autonomo rispetto al nuovo orario e ci stiamo lavorando», spiega il municipale di Lugano.

Più recentemente, siamo a fine giugno dell’anno scorso, è stata inaugurata la nuova centrale operativa di Pregassona che gestisce i servizi esterni e del traffico, i tre impianti delle funicolari Lugano-stazione e Monte Brè e i 4 Park&Ride cittadini (Fornaci, Cornaredo Stadio Est, ex Termica e Resega). Una sorta di torre di controllo dei bus, collegata a tutti i veicoli dell’azienda tramite Gps con un server centrale, a sua volta collegato con le paline informative alle singole fermate, all’app Tpl e alla stessa Centrale operativa di Pregassona. Questo permette, da un lato, di informare in tempo reale l’utente sulla posizione e/o eventuali ritardi dei bus in arrivo, dall’altro di monitorare il servizio di ogni singolo mezzo e autista. I collegamenti audio con il terminale di Lugano Centro o con le carrozze delle funicolari, così come le comunicazioni radio con il singolo bus e con i Servizi tecnici consentono inoltre di intervenire tempestivamente in caso di guasto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
28 min
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
1 ora
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
1 ora
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
4 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
7 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
7 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
7 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
7 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
7 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
© Regiopress, All rights reserved