laRegione
06.12.22 - 17:45
Aggiornamento: 19:08

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone

la-trappola-in-via-arbigo-il-mio-cane-poteva-morire
La trappola per cani

È ancora comprensibilmente scossa, Asia Di Millo: stamattina avrebbe potuto perdere il suo amato cane per colpa di un dissennato. I fatti raccontati da Asia alla "Regione" fanno accapponare la pelle: «Come sempre – racconta la giovane – ho portato a spasso il mio cane nella zona circostante casa mia, in via Arbigo a Losone. A un certo punto sulla strada il cane è stato attirato da una specie di boccone che si è rivelato essere una penna rivestita con del cibo per cani. Se l’avesse addentata e ingoiata avrebbe potuto morire». Per fortuna di Asia, e del suo amico a 4 zampe, il boccone era già stato in parte consumato, quindi la trappola non ha potuto avere l’effetto desiderato dallo sconsiderato che l’ha ideata e piazzata. «Quel che è terribile è che c’è gente pronta a fare del male agli animali da compagnia, noncuranti del dolore che possono provocare ad altri. Ingoiare una penna, con tutte le sue componenti, inchiostro compreso, è potenzialmente fatale. C’è da chiedersi cos’abbia in testa il forsennato che si è spinto a tanto».

Asia ha contattato la polizia per capire cosa fare: «Mi hanno detto di provare ad individuare il responsabile con tutti i mezzi disponibili. Se non sarà possibile, potremo sporgere denuncia contro ignoti». Rivolgersi alla stampa, per la ragazza, è uno strumento utile al passaparola. «Chiunque abbia informazioni le può condividere sulla mia pagina Fb. Non voglio che qualcun altro passi quel che ho passato io oggi. O peggio». Asia nota che nella zona Arbigo abitano molti cani, «quindi il pericolo può essere in agguato per chiunque e in qualsiasi momento. Lo dico perché nel quartiere hanno già tagliato la lingua a un gatto e, a quanto ho saputo, hanno anche cercato di uccidere un cane con del veleno per topi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
37 min
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
1 ora
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
2 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
5 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
6 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
6 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
7 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
8 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
9 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
12 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
© Regiopress, All rights reserved