laRegione
30.11.22 - 11:39
Aggiornamento: 17:09

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere

a cura di Red.Locarno
caso-la-palma-condanna-confermata-e-pena-piu-severa
Ti-Press
Il delitto avvenne il 9 aprile 2019

È stato un omicidio intenzionale, non un gioco erotico finito male. La Corte d’appello e revisione penale (Carp) di Locarno ha confermato la condanna inflitta in primo grado al 33enne germanico che il 9 aprile del 2019 uccise, in una stanza all’ultimo piano dell’albergo La Palma au Lac sul lungolago di Muralto, la sua compagna, una ragazza inglese di 22 anni. La giudice della Carp, Giovanna Roggero-Will, ha aumentato la pena di sei mesi, rispetto a quanto stabilito dal processo di prima istanza, portandola a 18 anni e 6 mesi. Per l’imputato è stato deciso anche un periodo di espulsione dalla Svizzera più lungo, 14 anni invece di 12. La difesa chiedeva una condanna al massimo per omicidio colposo.

Ricordiamo che si era giunti al processo di fronte alla Corte d’appello e revisione penale dopo che la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis aveva interposto ricorso contro la prima condanna, ritenendola troppo lieve rispetto alla sua richiesta di pena (aveva proposto 19 anni e 6 mesi). Anche il cittadino germanico si era opposto alla prima sentenza, chiedendo appunto che il reato fosse derubricato a omicidio colposo. Il 33enne ha sempre sostenuto la tesi del gioco erotico finito male.

Leggi anche:

Delitto di Muralto, si va in Appello

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
6 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
10 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
16 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved