laRegione
verdasio-si-risana-il-pendio-reso-instabile-dall-incendio
laR
 
13.05.22 - 21:07
Aggiornamento : 23:40

Verdasio, si risana il pendio reso instabile dall’incendio

Primi, urgenti, interventi di messa in sicurezza del bosco protettivo sopra l’abitato. Si valorizza la rete sentieristica e si vende la scuola di Moneto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Più consistente di quanto inizialmente previsto il credito da destinare alla messa in sicurezza dell’abitato e alla cura del bosco avente funzione protettiva gravemente danneggiato dall’incendio dello scorso mese di marzo, a Verdasio. Il Municipio di Centovalli si appresta infatti a sottoporre al legislativo, con una certa urgenza, una richiesta di 200mila franchi destinati proprio a interventi selvicolturali da attuare in tempi brevi. Il rogo, lo ricordiamo, era durato una decina di giorni e aveva divorato una superficie di circa 80 ettari di bosco, oltre a danneggiare diverse proprietà sui monti. Gli interventi urgenti di messa in sicurezza del versante, pianificati e diretti dai forestali di circondario, prevedono il taglio e la rimozione delle piante bruciate, la realizzazione di opere per il consolidamento dei pendii, la posa in alcuni punti di reti paramassi, il ripristino della viabilità forestale e delle sistemazioni idrauliche. Questi lavori andranno eseguiti come detto con una certa solerzia, dal momento che esiste un alto rischio che, a seguito di piogge anche di limitata intensità ma concentrate in un breve periodo di tempo, si formino colate di fango e detriti o diffuse e pericolose lave torrentizie. Fenomeni di erosione e trasporto a valle potrebbero avere conseguenze dannose per le infrastrutture sottostanti. Un rischio, quindi, da scongiurare immediatamente. Ricordiamo, come già riferito in queste pagine, che l’intero versante destro della vallata sarà al centro di un ampio progetto forestale curato dal Cantone, che prevede pure la realizzazione di una o più vasche antincendio.

Il recupero dell’antica mulattiera

Sempre in tema di boschi e monti, ma sulla sponda opposta del fiume Melezza, l’esecutivo intende valorizzare e migliorare la rete escursionistica sistemando il plurisecolare sentiero pedestre che da Palagnedra conduce a Moneto. Il risanamento (credito 420mila franchi) presenta due interventi inscindibili tra loro. Da una parte la manutenzione della storica mulattiera (oggi in uno stato precario) che unisce i due abitati, non collegati da una strada carrabile. Il percorso di circa 1’900 metri (300 di dislivello), inserito di diritto nell’Inventario delle vie storiche, garantirà così possibilità escursionistiche alternative, arricchendo la rete sentieristica della vallata e aumentandone l’attrattività turistica. Il secondo intervento è la sistemazione del ponte pedonale in ferro, risalente agli anni 30. Una perizia ha evidenziato la necessità di consolidarlo e risanarlo nelle sue componenti vitali, in modo da assicurargli altri decenni di funzionale esistenza. La cura futura del collegamento spetterà, una volta completati i lavori, alla squadra sentieri dell’Otlmv. Alla copertura dei consistenti costi contribuiranno anche enti e associazioni d’oltre Gottardo.

Conti in rosso, si spera nel Masterplan

Nella prossima seduta i consiglieri comunali avranno pure da approvare il consuntivo dell’ente, che chiude in rosso (disavanzo di poco meno di 120mila franchi). Preoccupa l’autorità, oltre all’esplosione delle spese della socialità (non imputabili al Comune e quindi non contenibili), anche il progressivo invecchiamento della popolazione (oltrettutto in calo). Con il Masterplan e i microprogetti fattibili e realizzabili l’Amministrazione sta cercando il modo per rilanciare l’interesse per il territorio (soprattutto l’alta valle). I risultati purtroppo stentano ad arrivare ma non ci si rassegna. Qualche introito utile a sovvenzionare gli investimenti dovrebbe giungere, se la vendita all’asta della vecchia scuola della frazione di Moneto, ubicata ai margini del paese (la variante di Pr che dovrebbe includerla nel nucleo è in fase di allestimento) andrà a buon segno. Un’alienazione che potrebbe portare nelle casse di Centovalli 95mila franchi; prezzo assai interessante che si spera attragga qualche potenziale interessato a domiciliarsi in paese. Tra le opere in corso, lo ricordiamo, figura il rinnovo delle funivie, con l’esecutivo impegnato a ritoccare i due progetti per poter contenere i costi.

Tosetti al posto di Piozzini

Infine vi sarà da approvare la nomina di Edy Tosetti quale subentrante a Marco Piozzini in seno all’Ente autonomo comunale Centovalli (organo che gestirà le funivie). Una partenza, quella di quest’ultimo, come qualcuno ricorderà, assai burrascosa e legata a profondi dissensi con il locale Municipio. Divergenze tali da portare l’interessato a dimissionare dalla carica di presidente. Bruno Del Ponte sarà, invece, il delegato del Comune in seno alla Centovalli E Più SA, società che gestisce la centrale termica a cippato di Intragna. Sostituirà il consigliere dimissionario Andrea Fenaroli in questo ruolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
incendio moneto rete sentieristica verdasio
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
7 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
7 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
7 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
11 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved