laRegione
11.05.22 - 09:00
Aggiornamento: 15:20

Brissago, Palazzo Branca Baccalà sarà un incubatore culturale

Credito di tre milioni di franchi in Consiglio comunale per i lavori. Pronti i piani per la riqualifica dello storico palazzo a due passi dal lago

brissago-palazzo-branca-baccala-sara-un-incubatore-culturale

Lo storico Palazzo Branca Baccalà di Brissago, punto di riferimento culturale per la comunità, sarà ristrutturato e ripensato nei suoi spazi interni. Il Comune, che ne è proprietario dal 1976, se la richiesta di credito elaborata dal Municipio pari a 3,08 milioni di franchi verrà accolta dal Legislativo, potrà infatti procedere con l’ammodernamento e la riqualifica di questo elegante immobile edificato tra il XVII e il XVIII secolo. Non sarà, questo, il primo intervento che interessa il Palazzo. Già negli anni 80 si era proceduto a lavori di ristrutturazione parziali. Poi, a seguire, per tappe, l’intero edificio era stato oggetto di migliorie. Nel 2002 aveva aperto i battenti, grazie a una donazione della baronessa Hildegarde von Münchausen, il Museo Ruggero Leoncavallo. Poi era stato pure sistemato il tetto in piode. Nel 2012, in votazione popolare, i brissaghesi avevano respinto un credito per il suo restauro completo e la trasformazione quale sede dell’amministrazione comunale. Da lì in poi i vari gruppi politici hanno portato avanti idee e proposte di destinazione. Suggerimenti ampiamente condivisi che hanno permesso di definire il futuro del Palazzo: una casa in prevalenza della cultura.

La donazione e lo spazio dedicato al Bhutan

Il lungo iter giunge quindi, oggi, verosimilmente, al termine. Grazie anche a una preziosa donazione di un milione di franchi da parte di un privato, la progettazione dei lavori di restauro è stata completata. A livello di contenuti, l’offerta degli spazi interni prevede sale per eventi e locali tecnici al seminterrato; al pianterreno rimarranno, ovviamente, il Museo e il centro diurno per gli anziani del paese (un locale potrà accogliere una sala lettura con annessa biblioteca); al primo piano uno spazio dedicato all’esposizione permanente di opere d’arte e oggetti del Bhutan e superfici espositive modulabili; al secondo piano la sala del Consiglio comunale, una sala per concerti e le sale di rappresentanza. Naturalmente si provvederà pure alla sistemazione esterna del cortile e dell’orto (anche per eventi all’aperto). Tutto questo, come detto, investendo 3 milioni (inclusa la donazione privata e il sussidio cantonale, ancora da quantificare esattamente).
Questa profonda trasformazione ha dovuto essere ovviamente supervisionata dall’Ufficio dei beni culturali.

Creare sinergie e promuoverlo anche verso l’esterno

L’ approccio multifunzionale consentirà di accrescere l’interesse del mondo esterno verso questo storico edificio quale luogo per eventi e manifestazioni aggregative che creino connessioni, dialogo e confronto (oltre che di sede degli organi istituzionali di rappresentanza). Nelle sue riflessioni l’esecutivo ritiene che "i tempi siano maturi per giungere al completo restauro di questo splendido edificio storico. D’altronde il valore culturale dell’immobile è innegabile e lo stesso merita una definitiva concretizzazione quale opera identitaria del paese". Affinché in futuro divenga il cuore pulsane del borgo di confine, sarà tuttavia necessario far nascere delle ottime sinergie sia all’interno della cittadinanza, sia con i Comuni viciniori. "Il palazzo nel tempo dovrà acquisire una propria identità di memoria del paese e allo stesso tempo aprirsi alla componente turistica della regione", conclude il Municipio. Un incubatore culturale, un punto nevralgico per eventi e iniziative pubbliche, nel rispetto della sua plurisecolare storia.
Il credito sarà discusso dal Consiglio comunale nella sua seduta del prossimo 7 giugno. Lo sforzo finanziario che l’istituzione locale compie per valorizzare il Comune e renderlo più attrattivo, in un’ottica di turismo culturale attraverso interventi su aree e immobili d’interesse pubblico, è ritenuto sopportabile per le casse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
8 min
Ipct, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’
‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Ticino
39 min
Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
1 ora
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
4 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
4 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
9 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
14 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
14 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
21 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
22 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
© Regiopress, All rights reserved