laRegione
29.04.22 - 16:16
Aggiornamento: 16:53

Locarno, credito per un impianto fotovoltaico all’asilo Saleggi

Il progetto prevede l’installazione di pannelli sul vecchio e sul nuovo blocco. L’iniziativa rientra nella strategia per implementare l’autoproduzione

locarno-credito-per-un-impianto-fotovoltaico-all-asilo-saleggi
Ti-Press
La scuola materna dall’alto

Un impianto fotovoltaico sul tetto della scuola dell’infanzia ai Saleggi di Locarno, sia sulla sommità dell’edificio esistente (che subirà una manutenzione), sia sul nuovo blocco in via di esecuzione. È quanto propone il Municipio con un messaggio indirizzato al legislativo, in cui chiede un credito di 330mila franchi per la sua realizzazione, per cui si beneficerà di 54mila franchi del Fondo Fer.

Il progetto è parte della strategia a medio-lungo termine messa in atto e sviluppata dall’Ufficio energia della Divisione urbanistica e infrastrutture, in collaborazione con la Divisione logistica e del territorio, al fine di implementare la produzione di energia elettrica grazie agli impianti a energia solare. Fra le possibilità di sviluppo c’è l’installazione ovunque possibile – su tetti o pareti degli edifici comunali – dei pannelli solari.

La sede dell’asilo ai Saleggi risale ai primi anni Settanta e conta sei sezioni alle quali si aggiungerà un nuovo blocco, si assommeranno quindi due nuove sezioni (il relativo credito è stato concesso lo scorso 28 marzo). "Lo sviluppo del progetto di impianto fotovoltaico ha già tenuto conto della futura edificazione" – si legge nel messaggio municipale –, così come della distribuzione dei pannelli sui tetti. "L’impianto si suddivide quindi in due componenti. Per l’edificio esistente, ci si collegherà al quadro elettrico eseguito nell’ambito della riconfigurazione della cucina centralizzata di alcuni anni or sono, dove si era già considerato un futuro impianto fotovoltaico. Per quanto concerne il nuovo blocco, tutto sarà eseguito in contemporanea all’edificazione permettendo così di approfittare dell’impianto di cantiere già in essere". In aggiunta, nella fase progettuale di massima, è stata pensata altresì la posa di batterie per lo stoccaggio dell’energia prodotta per l’autoconsumo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 min
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
47 min
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
47 min
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
1 ora
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
6 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
7 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
7 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
7 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Luganese
9 ore
Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori
Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
9 ore
‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’
È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
© Regiopress, All rights reserved