laRegione
24.04.22 - 16:01
Aggiornamento: 25.04.22 - 17:27

Muralto, il libro su Svizzera e Santa Sede di Planzi

Giovedì alle 20.30 nell’ambito del FestivalLibro viene presentato nella sala dei congressi il volume trilingue dello storico locarnese

muralto-il-libro-su-svizzera-e-santa-sede-di-planzi
Ti-Press
Lorenzo Planzi, storico e divulgatore

Dopo le presentazioni a Berna e Friburgo, il libro trilingue dello storico locarnese Lorenzo Planzi, "Il Papa e il Consiglio federale. Dalla rottura nel 1873 alla riapertura della Nunziatura a Berna nel 1920", sarà finalmente presentato in Ticino. L’appuntamento è per giovedì prossimo, 28 aprile, alle 20.30 al Palazzo dei Congressi di Muralto, quale esordio del FestivalLibro, che si protrarrà fino a domenica 1º maggio. Durante la serata, patrocinata dal Comune di Muralto, interverranno il sindaco Stefano Gilardi e l’autore del libro.

All’indomani della spettacolare interruzione delle relazioni diplomatiche, il volume racconta la storia del paziente riavvicinamento tra Papa e Consiglio federale. Dal gelo al dialogo, il Ticino gioca un ruolo di ponte tra Berna e la Città eterna. Nella prefazione del libro trilingue (in italiano, tedesco e francese), il presidente della Confederazione Ignazio Cassis annota: "È un’importante testimonianza di storia della diplomazia, rivelandoci espedienti e intrecci che talvolta rievocano le atmosfere di un libro giallo".

Lorenzo Planzi, nato a Locarno nel 1984, ha conseguito il Dottorato in Storia all’Università di Friburgo e la Licenza in teologia alla Gregoriana di Roma, mentre per il Fondo nazionale svizzero ha coordinato un progetto di quattro anni sulla storia dei rapporti tra Berna e Vaticano. Durante la serata racconterà anche vicende e aneddoti dei suoi anni romani. E proprio nella Città eterna, all’Istituto Svizzero di Roma, è in programma un’ulteriore presentazione del libro alla fine dell’estate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
6 min
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
5 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
6 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
8 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
9 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
12 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
12 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
19 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
21 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
22 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
© Regiopress, All rights reserved