laRegione
altra-scazzottata-a-locarno-due-feriti-in-zona-piazza-castello
Ti-Press
La zona è sempre quella
06.01.22 - 16:55
Aggiornamento: 17:25

Altra scazzottata a Locarno: due feriti in zona Piazza Castello

Mercoledì notte l’ennesimo episodio di violenza giovanile ha coinvolto 4 ragazzi sulla ventina: identificati (ma non fermati) sono volti già noti

È di almeno due feriti lievi, il bilancio di un’ulteriore scazzottata avvenuta in zona Piazza Castello a Locarno. Della zuffa ha dato notizia liberatv.ch.

Stando a nostre informazioni, il parapiglia si è verificato verso la una e mezza di mercoledì notte in zona Bar Castello e avrebbe coinvolto 4 giovani, tutti fra i 20 e i 24 anni. Si tratterebbe di volti noti, residenti nella regione, con precedenti specifici. Tutti quanti avrebbero quindi preso parte ad altre risse in passato. Quella della scorsa notte potrebbe essere stata per così dire facilitata dall’abbondante assunzione di bevande alcoliche e forse di altre sostanze. Lo scontro è iniziato all’aperto e lì si è risolto in una manciata di minuti. Non vi sarebbe quindi stato un prologo di provocazioni all’interno dell’esercizio pubblico. Il bilancio è di due contusi; uno di essi avrebbe riportato ferite a un’arcata sopracciliare.

Tutti i protagonisti sono stati identificati – da lì si è appunto capito che trattasi di personaggi noti per menar le mani –, ma non v’è stata alcuna verbalizzazione. Questo per il semplice fatto che, vista la lieve entità delle lesioni riportate, per l’avvio di un’inchiesta penale è necessaria querela di parte.

L’intervento della polizia è stato pressoché immediato, ma comunque non abbastanza per un confronto diretto con gli autori della rissa, i quali nel frattempo si erano già dileguati. Di conseguenza, gli accertamenti sul posto effettuati da 4 agenti della Polcomunale di Locarno e da 2 della Polcantonale hanno potuto basarsi unicamente sui racconti di alcuni testimoni oculari. Grazie alle informazioni raccolte, come detto, è comunque stato possibile risalire ai protagonisti per dare loro un volto e delle generalità. Nessuno finirà comunque sotto inchiesta se qualcuno non si deciderà a sporgere querela.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
2 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
2 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
10 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
12 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
12 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
12 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
13 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
13 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
13 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
© Regiopress, All rights reserved