laRegione
09.12.21 - 16:02
Aggiornamento: 16:30

Violenza giovanile: ‘Approccio di strada, a che punto siamo?’

Interrogazione di Antunovic e cofirmatari al Municipio di Locarno dopo il caso del giovane pestato da una banda di incappucciati in Piazza Castello

violenza-giovanile-approccio-di-strada-a-che-punto-siamo
Ti-Press
Un fenomeno in crescita

“È trascorso più di un anno dalle risposte all’interpellanza, trasformata in interrogazione, ‘Troppa violenza di notte a Locarno?’; a che punto siamo con il progetto di rafforzare l’approccio di strada? Mi riferisco al mandato dato alla coordinatrice dei Servizi sociali, in collaborazione con la Fondazione il Gabbiano”. Inoltre, “il Municipio scriveva che voleva dare più spazio e opportunità ai giovani, anche più grandi; è stato fatto qualcosa in questa direzione? È stato coinvolto il Centro Giovani di Locarno come annunciato un anno fa? Qual è il feedback del Centro Giovani? Quali sono le opportunità e quali le difficoltà?”.

Sono le prime domande dell’interrogazione scritta a Locarno dal Verde Marko Antunovic e firmata anche dai colleghi Francesca Machado, Sheila Mileto, Simone Merlini, Mauro Silacci, Kevin Pidò e Simone Beltrame.

“Nel settembre 2020 avevo inoltrato un’interpellanza, trasformata in interrogazione, al Municipio con il titolo ‘Troppa violenza di notte a Locarno?’ – scrive Antunovic –. Era emerso che per motivi ancora oggi a me incomprensibili, era stata rimossa alcuni anni fa la figura dell’operatore ‘di strada’. Il Municipio nella sua risposta ha sottolineato che l’approccio di strada è importante per comprendere, analizzare la situazione e sviluppare politiche preventive. Il Municipio rispose che si dava mandato alla coordinatrice dei Servizi sociali per definire un progetto. Dopo che sono venuto a conoscenza dei recenti fatti, e ahimè, rendendomi conto che conosco la mamma della vittima dell’aggressione fisica, un giovane locarnese di 18 anni che è stato pestato da una decina di vigliacchi incappucciati, mi sono permesso di prendere contatto con quest’ultima. Con uno stato emotivo di tristezza e delusione per l’ennesimo atto di violenza gratuito nella nostra città, ho deciso di stendere questo atto parlamentare”. Antunovic aggiunge che “facendo una veloce indagine sono venuto a conoscenza che nell’ultimo periodo la violenza a Locarno ha iniziato a dilagare. Mi è stato segnalato da alcuni giovani che ultimamente si verificano assai sovente atti di violenza gratuita durante la notte nella nostra città. Purtroppo, bastano pochi elementi malintenzionati per creare situazioni di violenza e di paura con conseguenze che potrebbero essere ancora più gravi di quanto accaduto finora. È il momento di fermare queste violenze, per non dover poi ricorrere a estreme misure, quando ormai sarà troppo tardi”.

Seguono altre domande all’esecutivo: “Visto il costante ripetersi di atti di violenza, il Municipio sta valutando anche altre, nuove possibilità di un intervento a lungo termine per prevenire conflitti e disagi sociali, per sensibilizzare i giovani a una convivenza pacifica in città? Con l’ausilio delle telecamere di nuova generazione, che fungono da occhio vigile della città, si è riusciti a ottenere i dati degli aggressori? Dato che sono luoghi conosciuti, dove si ripetono questi atti di violenza, quali strategie preventive il Municipio pensa di mettere in atto? Cosa può fare il Municipio per dare maggior supporto d’intervento alla polizia? Quali soluzioni ci sono per evitare di creare frustrazione fra gli agenti di polizia, che dopo il fermo di questi delinquenti, il giorno dopo se li ritrovano di nuovo in giro per la città?”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
39 min
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
2 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
2 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
2 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
4 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
5 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
6 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
6 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
6 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
© Regiopress, All rights reserved