laRegione
14.10.21 - 16:31
Aggiornamento: 16:57

Danni del maltempo in Gambarogno, la fattura finale è salata

In Consiglio comunale un credito di due milioni di franchi e uno da 232mila per il riale a Gerra

danni-del-maltempo-in-gambarogno-la-fattura-finale-e-salata
30 agosto 2020 (Ti-Press)

Smottamenti di terreno, fiumi e riali straripati. Le precipitazioni del 29 e 30 agosto 2020, con quantità di pioggia che in Gambarogno non si vedevano da 50 anni, hanno causato danni ingenti e ora il Comune si trova a dover saldare la fattura. Sui tavoli del Consiglio comunale, che si riunirà il prossimo 25 ottobre, è approdata una richiesta di credito formulata dal Municipio, che ammonta a circa due milioni di franchi. A questi vanno ad aggiungersi altri lavori, meno urgenti, che al Comune costeranno un ulteriore milione di franchi, e che verranno portati in legislativo a tappe. Cifre enormi che, stando all’esecutivo gambarognese, “testimoniano degli importanti cambiamenti climatici in atto, con eventi meteo sempre più violenti. In futuro bisognerà tener conto di ciò e agire di concerto nella creazione, nell’adattamento e nella manutenzione delle opere di premunizione”.
In totale le zone che hanno subito dei danneggiamenti sono 81; in 17 casi sono state già eseguite opere per la messa in sicurezza, mentre gli interventi completi e definitivi sono ancora in fase di esecuzione o progettazione. In 46 casi i lavori, deliberati con la clausola dell’urgenza e per misure di polizia, sono stati completati. Infine, 18 casi riguardano proprietari privati e altri enti, con i quali il Comune ha condiviso la pianificazione dei primi interventi, “senza tuttavia avere alcuna competenza a livello di delibere o per la copertura finanziaria”; perciò il Consiglio comunale non deve adottare alcuna risoluzione.

L’importanza dei boschi

Dal profilo della prevenzione, da diversi anni il Comune partecipa a un progetto di manutenzione dell’area boschiva compresa tra la zona collinare e la riva del lago, gestito con Cantone, Ffs e Sopracenerina. Oltre a ciò, le Ffs realizzeranno a partire dall’anno prossimo opere di premunizione per circa sette milioni di franchi.

Un accenno alle questioni monetarie: il Comune ha già versato 1,9 milioni dei due previsti nella richiesta di credito. Il Cantone, dal canto suo, ha confermato sussidi per 135 mila franchi mentre le assicurazioni ne verseranno 147mila. I proprietari di residenze secondarie, coinvolti dal Comune tramite uno scritto, in segno di solidarietà con il Gambarogno hanno devoluto quasi 200mila franchi. Sono poi previsti sussidi forestali e per i corsi d’acqua, altri rimborsi assicurativi e aiuti cantonali. Al Consiglio di Stato, infine, è stato chiesto un contributo straordinario per l’eccezionalità dell’evento meteo.

Per il fiume a Gerra alveo da riparare e muri dell’argine da rifare

Tra i progetti che non sono stati risolti con la clausola dell’urgenza e che saranno oggetto di una richiesta di credito specifica al Consiglio comunale, il primo della lista è quello che riguarda la messa in sicurezza, la riparazione dell’alveo e la ricostruzione di un muro d’argine alla foce del fiume, a Gerra. Il costo dell’opera sarà di 232mila franchi. In sostanza, il maltempo ha danneggiato l’arginatura sulla sponda sinistra, che fa da muro di sostegno dei posteggi comunali, e l’alveo in selciato sotto la briglia. Inoltre l’acqua ha spostato i massi delle fondamenta degli argini a valle della cantonale. Senza dimenticare il deposito di svariate centinaia di metri cubi di materiale tra il ponte Ffs e la litoranea e nella zona del ponticello pedonale del bagno spiaggia. Una serie di danni che il Comune intende ora riparare per rimettere il riale in sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
11 min
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
5 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
22 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
© Regiopress, All rights reserved