laRegione
15.07.21 - 09:41
Aggiornamento: 17:48

Hangar dell'aeroporto devastato, chi paga i danni?

Interrogazione chiede spiegazioni al governo a oltre tre anni dal credito votato dal Gran Consiglio per sistemare la struttura in stato 'fatiscente'

hangar-dell-aeroporto-devastato-chi-paga-i-danni
Un'immagine dei danni all'hangar (Ti-Press)

"Il Consiglio di Stato era al corrente delle richieste formulate dai suoi due servizi per intraprendere manutenzioni straordinarie alla struttura? Se si, quanti anni fa furono richieste dagli esperti e perché non sono state fatte?". È la prima domanda dell'interrogazione presentata al governo cantonale da sei deputati in Gran Consiglio (primo firmatario Tiziano Galeazzi, Udc). Un'interrogazione che muove dagli ingenti danni provocati dal maltempo martedì all'aeroporto di Locarno, dove uno degli hangar è stato "scoperchiato" dall'impeto del vento. Il risultato? Tre aerei da buttare e un'altra decina danneggiati, scrivono gli interroganti secondo cui i danni forse si potevano evitare. Come? L'atto parlamentare ricorda l'approvazione da parte del Gran Consiglio di un credito di progettazione di circa mezzo milione di franchi destinato all'hangar che, precisava già a suo tempo il governo, si trovava in uno "stato fatiscente" tale che la manutenzione corrente non era "più sufficiente per permettere un razionale uso degli spazi". Eppure, pare non sia stati realizzato nulla. Pertanto, l'interrogazione si augura che la struttura fosse assicurata. Da qui la richiesta di spiegazioni: "Come mai non è stato dato seguito alla precisa e vincolante decisione del Gran Consiglio che approvò nel febbraio del 2018 il credito di progettazione?  Chi ha preso la decisione di non dar seguito a questa decisione: la Sezione della logistica, la direzione dell’aeroporto o altri uffici amministrativi? Perché il Parlamento non è stato informato? Se non ci fosse alcuna assicurazione, sarà il Cantone a dover rifondere i danni?"

Leggi anche:

'Ho visto il portone vibrare e cadere dentro l'hangar'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
2 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
9 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
11 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
12 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
12 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
13 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
13 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
18 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
19 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
© Regiopress, All rights reserved