laRegione
17.09.21 - 17:29
Aggiornamento: 18:53

Smart border, mobilità sostenibile per Luino e Gambarogno

Presentato il progetto Interreg, che spinge l’uso dei trasporti pubblici e privati collettivi per i frontalieri

smart-border-mobilita-sostenibile-per-luino-e-gambarogno
I due sindaci al momento della partenza a Gerra (Ti-Press/Crinari)

La mobilità sostenibile nelle sue diverse declinazioni. È questo il cuore di Smart Border, il progetto transfrontaliero Interreg che ha come capofila i Comuni di Gambarogno e Luino. Oggi pomeriggio le autorità delle due località sulla sponda sinistra del Verbano hanno presentato i dettagli, nel corso di una conferenza stampa organizzata in due tempi: dapprima a Gerra e poi, dopo una trasferta in treno con la linea Tilo S30, a Luino, dove nel palazzo Verbania si è tenuto l’incontro con i giornalisti. La modalità di spostamento diverso da quello con i mezzi privati è stata scelta come azione di sensibilizzazione e per mostrare fattivamente criticità e opportunità.

Incentivare l’uso dei mezzi pubblici

Nel corso del pomeriggio sono stati illustrati i contenuti del progetto, che vuole “sviluppare il dialogo nella pianificazione strategica nella regione dell’alto Lago Maggiore e Ceresio occidentale, per agevolare e promuovere il trasporto pubblico (su ferro e gomma) e diffondere la mobilità dolce, quale opportunità di miglioramento della qualità della vita, valorizzando le risorse naturali e paesaggistiche, mitigando così l’impatto del trasporto individuale motorizzato dei lavoratori transfrontalieri”.

I partner sono le comunità direttamente interessate, la Città di Luino e il Comune di Gambarogno, con i relativi comprensori di pertinenza; il progetto opera sull’integrazione dei sistemi di trasporto, pubblici e privati collettivi, coinvolgendo le diverse autorità, enti e territori. “L’obiettivo è l’accesso sostenibile dei lavoratori frontalieri garantendo un Park & ride presso la stazione di Luino, vera stazione di cambio, snodo cruciale sui tracciati dell’alto Lago Maggiore e del Ceresio occidentale; sarà fondamentale agire sull’armonizzazione dei tempi e delle modalità dei servizi di trasporto, agevolando forme di trasporto collettivo organizzate e fidelizzate”.

I partecipanti all’incontro, tra cui i sindaci Gianluigi Della Santa (Gambarogno) ed Enrico Bianchi (Luino) e altri rappresentanti dei partner di progetto, hanno spiegato che Samrt border mira a contenere il traffico motorizzato lungo la rete viaria Luino-Piano di Magadino, favorendo l’uso di vettori di mobilità sostenibile. Ma pure “realizzare progetti modello per uno sviluppo economico sostenibile al fine di migliorare la qualità della vita e valorizzare le risorse naturali e paesaggistiche”. Per raggiungere lo scopo, “è stato sviluppato un dialogo nella pianificazione strategica della mobilità nella regione dell’alto Lago Maggiore e Ceresio occidentale, allargando il tavolo della co-pianificazione a istituzioni, associazioni di categoria, soggetti privati (aziende, ferrovie...)”. Allo stesso modo è stata migliorata l’intermodalità, “al fine di agevolare e incrementare l’uso del trasporto pubblico (ferro, gomma, acqua)”; senza dimenticare la promozione “della condivisione del mezzo privato, mitigando così l’impatto del trasporto individuale motorizzato dei lavoratori transfrontalieri”. Strategie diverse ma con un unico denominatore: diffondere la mobilità dolce.

In pratica da una parte l’obiettivo strutturale principale è il nuovo Park & ride di Luino, dall’altra la collaborazione con il Piano di mobilità aziendale e comprensoriale (Pmc) progetto promosso dai Comuni di Gambarogno, Cadenazzo e Sant’Antonino, dal 2016 al 2020 (anche con la messa in funzione di navette aziendali) e in particolare l’integrazione della piattaforma informativa della mobilità aziendale con il sistema Park & ride Luino.

Il Pmc ha visto coinvolte una ventina di aziende per un totale di circa 1’900 collaboratori. Ha portato all’introduzione di prime misure aziendali (incentivi all’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico, gestione dei parcheggi aziendali, promozione delle ebike e del car-pooling) e interaziendali quali l’estensione della rete di bike sharing e l’introduzione di una navetta a complemento dell’offerta di trasporto ferroviario tra la stazione di Cadenazzo e l’area lavorativa Luserte sul territorio di Gambarogno. Con l’entrata in vigore del nuovo orario nel dicembre del 2020, questa navetta è stata sostituita dall’autopostale di linea. La seconda fase del Pmc è tuttora allo studio.

Nel progetto Smart border è prevista la realizzazione di sistemi di comunicazione software per azioni di sensibilizzazione e di promozione all’indirizzo degli utenti al fine di agevolare il più possibile i sistemi di trasporto pubblico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
5 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
6 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
6 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
6 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
7 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
8 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
8 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
8 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
11 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved