laRegione
laR
 
20.03.21 - 06:00

Bignasco, riapre l’area per i camper

Dopo l'esperienza positiva del 2020, torna il posteggio per trenta mezzi. Il sindaco di Cevio: ‘Così si evitano le situazioni selvagge’

bignasco-riapre-l-area-per-i-camper
Viaggiare in libertà, ma con alcuni limiti (Ti-Press)

Lotta ai camper posteggiati selvaggiamente. Cevio ripropone quest'anno, per la seconda volta dopo l'esperienza 2020, l'allestimento di un'area di sosta dedicata ai questi mezzi, che con la pandemia di Covid-19 sono sempre più gettonati. Un altro modo di fare vacanza, portandosi appresso il proprio alloggio.

La zona scelta è di nuovo quella nei pressi del campo di calcio di Bignasco. I posti a disposizione sono 30. Negli scorsi giorni il Municipio ha preparato il comunicato di polizia che stabilisce le regole per l'utilizzo dell'area: sarà agibile dal prossimo 26 marzo fino al 7 novembre. La tariffa è di 20 franchi a notte e sarà incassata dagli addetti del Comune. I turisti dovranno rispettare gli orari di quiete notturna dalle 22 alle 8. Sul posto due servizi igienici da utilizzare obbligatoriamente e due rubinetti per l'acqua potabile.

Positivo il bilancio dell'esperienza 2020, come spiega il sindaco di Cevio Pierluigi Martini: «L'occupazione media è stata di circa 15 camper al giorno e siamo andati avanti fino alla fine di novembre. Non ci sono stati reclami». Per quest'anno, prosegue l'intervistato «poseremo un parchimetro per agevolare il pagamento. Inoltre pensiamo di mettere a disposizione i servizi dello stabile delle vecchie piscine».

Il problema dei “camperisti” indisciplinati è sentito soprattutto in Valle Bavona: «Cercano zone tranquille e idilliache. Faremo dei controlli e li inviteremo a pernottare a Bignasco, nell'area attrezzata per loro. Per ora ha funzionato e anche il passaparola ha dato i suoi frutti. In futuro stiamo pensando anche a un posteggio per loro in valle, con l'accordo dei privati». Il Comune ha valutato con attenzione pure la questione sanitaria: «Il parcheggio per i 30 camper ha una superficie di alcune migliaia di metri quadrati; quindi c'è lo spazio sufficiente per le distanze sociali anti Covid-19. Stiamo riflettendo sull'obbligo dell'uso delle mascherine».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
30 min
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
2 ore
San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola
Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
© Regiopress, All rights reserved