laRegione
laR
 
06.04.22 - 08:30

Brissago, sulle ceneri dell’ex campo santo il posteggio

Iniziati i lavori di realizzazione dell’area di sosta per auto e camper sul fondo dell’ex Cimitero del Piano. Una quarantina i posteggi a disposizione

brissago-sulle-ceneri-dell-ex-campo-santo-il-posteggio

Sono iniziati negli scorsi giorni, a Brissago, i lavori di realizzazione del posteggio pubblico provvisorio sul sedime dell’ex Cimitero del Piano (edificato nel lontano 1862), su un fondo di poco meno di duemila metri quadrati in precedenza a disposizione dell’impresa che ha eseguito i lavori di posa delle canalizzazioni tra l’abitato e la dogana. Dopo la decisione di rinunciare a uno dei due campisanti del borgo di confine, al termine di una procedura protrattasi per un trentennio (con lo spurgo e la traslazione dei suoi 400 "ospiti" in quello di Ponte, nel corso del 2017), vi è stata la demolizione di tutti i resti cimiteriali e la pulizia della superficie. Da allora ai giorni nostri, il sedime in pratica è rimasto in uno stato di abbandono, fungendo unicamente da area di posteggio per i mezzi da cantiere. Ubicato in una zona nevralgica del paese, a pochi passi dal lido comunale, il fondo, libero da ogni vincolo, si appresta dunque ora a rivivere con un’altra finalità. Dopo il voto favorevole del legislativo allo stanziamento di un credito di circa 250mila franchi a tale scopo, il Municipio può dunque procedere spedito con i suoi piani, dando così maggior decoro a un’area che ha un aspetto un tantino desolante. «L’idea di fondo – come ci ha ricordato il sindaco Roberto Ponti – è di ricavarvi una quarantina di stalli (compresi quelli per le moto), poco meno di una decina dei quali riservati ai camper. Qualora la richiesta per questi ultimi dovesse crescere, nel tempo si potrebbe pensare di guadagnarne alcuni aggiuntivi, sottraendoli alle automobili».

Un luogo di sosta, non di pernottamento

Sul destino di questo pregiato sedime, più volte i consiglieri comunali hanno fatto sentire la loro voce avanzando suggerimenti con mozioni e interrogazioni all’esecutivo. In particolare nell’ottobre dello scorso anno, il gruppo Plr in Consiglio comunale aveva invitato l’autorità municipale a creare un’area di sosta per camper e minivan: "Questi ultimi permettono ai viaggiatori di sostare per uno o più giorni. Ma non danno la possibilità di accamparsi come avviene in un campeggio. Le aree di sosta servono unicamente per posteggiare i veicoli. Non è possibile quindi piazzare tavoli, sedie, griglie ecc" osservavano i firmatari, chiedendo dunque "la formazione di servizi igienici e docce garantirebbe a coloro che si fermano abbastanza comfort per un soggiorno gradevole. Gli stalli dovranno essere muniti di colonnine per l’approvvigionamento di corrente elettrica. In generale bisognerebbe mettere anche a disposizione acqua potabile per riempire i serbatoi e la possibilità di uno scarico per le acque luride dei veicoli".

Dal parco all’orto urbano condiviso

Pur non avendo ancora dato evasione alla mozione, l’esecutivo brissaghese si è comunque mosso nella direzione auspicata dal Plr. La soluzione mista, auto-camper non rappresenterà dunque una concorrenza per i campeggi della regione che offrono tutti i servizi di cui si può aver bisogno nella vacanza en plein air. Almeno per un certo periodo di tempo questa sarà la funzione del sedime. Sì perché il comparto che accoglie l’ex camposanto è da tempo al centro di una riflessione e le proposte, da più parti, non mancano. C’era chi aveva perorato la causa degli appartamenti sussidiati, chi la creazione di un parco verde con uno spazio dedicato alla memoria dei cittadini illustri del borgo di confine e chi, infine, la creazione di un orto urbano condiviso a disposizione della cittadinanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
9 sec
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
10 sec
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
5 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
8 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
9 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
9 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
10 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
10 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
11 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
12 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
© Regiopress, All rights reserved