laRegione
16.03.21 - 16:06
Aggiornamento: 16:23

(Volendo) il burkini a Locarno si può portare

Bocciata dal Consiglio comunale la mozione che ne chiedeva il divieto su tutto il territorio balneare pubblico

volendo-il-burkini-a-locarno-si-puo-portare
Keystone

Dodici “sì”, 21 “no” e 2 astensioni. È il risultato della votazione sulla mozione D'Errico e cofirmatari (poi assunta da Omar Caldara) con cui la Lega dei Ticinesi chiedeva di applicare un divieto di indossare il burkini su tutto il territorio balneare pubblico. Il tema, approdato lunedì sera in legislativo dopo la votazione federale sul divieto di dissimulazione del volto del 7 marzo, è stato oggetto di un acceso dibattito, approdato infine ad una sentenza piuttosto netta. L'auspicio del Municipio era proprio una bocciatura della mozione, ma basata innanzitutto sulla mancanza di competenze comunali sulla fattispecie. La maggioranza della Legislazione era invece favorevole al divieto.

Sempre di divieti e permessi trattava una seconda mozione all'ordine del giorno: quella con cui Alberto Akai (Ppd) e altri 16 consiglieri comunali) chiedevano di riaprire Piazza Grande alle auto, creando parcheggi provvisori da occupare in determinati periodi di “stanca” per rivitalizzare i commerci. In questo caso v'era il preavviso negativo sia del Municipio, sia della maggioranza della commissione della Legislazione. Alla base dei pareri negativi v'è il famoso accordo con il Cantone riguardante la realizzazione dell'autosilo di Piazza Castello (sì all'autosilo, ma Piazza Grande chiusa alle auto). Al voto, la mozione ha ottenuto 7 soli voti favorevoli, contro i 22 contrari e le 6 astensioni.  

 

Il legislativo di Locarno era chiamato lunedì anche a votare un importante credito, di quasi un milione di franchi, per istituire una “Zona 30” nel quartiere Rusca e Saleggi. La richiesta municipale, come era logico attendersi anche tenendo conto della relazione commissionale (di Nicola Pini), è stata plebiscitata con 33 voti favorevoli, 1 contrario e 1 astenuto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
4 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
4 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
5 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
6 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
7 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
8 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
8 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
9 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved