laRegione
laR
 
06.02.21 - 06:00

Centro storico, una commissione con più ‘attributi’

In pubblicazione a Locarno l'Ordinanza. Le nuove figure: un giurista, un architetto supplente, un pianificatore e uno storico dell'edilizia

centro-storico-una-commissione-con-piu-attributi

Un giurista e un architetto supplente, più, esternamente, un pianificatore ed uno storico nell'ambito edile. A Locarno cambiano le coordinate della commissione centro storico. La cui composizione viene arricchita con nuove figure che si affiancheranno al municipale (e presidente) che di principio è il capodicastero Pianificazione, e a due architetti. Il supplente entrerà in scena nel caso – non frequentissimo, ma possibile – di un conflitto di interessi che riguardi il collega “titolare”. Quanto allo storico in ambito edile, il suo appoggio è considerato importante per dare, per così dire, maggiore profondità allo sguardo sul territorio.

Caroni: ‘Un gremio più solido’

Le modifiche commissionali sono al cuore dell'Ordinanza municipale attualmente in fase di pubblicazione. Spiega alla “Regione” il presidente della commissione stessa, nonché vicesindaco e capodicastero Pianificazione (uscente) Paolo Caroni: «Quando sono state elaborate le nuove Norme di attuazione del centro urbano e del centro storico ci si è posti il problema – anche in relazione ad alcuni atti usciti dal Consiglio comunale - di rivedere composizione, compiti e competenze della commissione. Nell'ambito delle discussioni con la commissione Pr, è stato deciso che nelle nuove Napr viene trattata la struttura generale, mentre in una specifica Ordinanza vengono specificati altri aspetti. La nuova Ordinanza rende quindi più solida la commissione del centro storico. Vi sono infatti le aggiunte di un architetto supplente, da coinvolgere nei casi in cui vi sia un conflitto d'interesse, nonché di un giurista, visto che vi sono sempre più aspetti d'ambito giuridico ad entrare in gioco». Caroni aggiunge che «il Municipio deve inoltre identificare un pianificatore e uno storico nell'ambito edile, i quali saranno poi incaricati di eventualmente assistere la commissione in caso di necessità».
E ancora: «Nel tempo sono emersi i limiti di competenza della commissione – il cui ruolo è sempre più delicato e complesso - e si è quindi cercato di aggiustare il tiro. In parte lo si è fatto appunto direttamente nelle Norme di attuazione dei Piani particolareggiati del centro storico e del centro urbano, e in parte dando vita a questa specifica Ordinanza municipale. La commissione del Piano regolatore intendeva inizialmente richiedere che la gestione della commissione centro storico avvenisse tramite Regolamento, poi si è potuto andare verso l'ordinanza convenendone insieme una bozza».

Engelhardt: ‘Giusto aggiornare’

Che la commissione centro storico ci sia sempre stata e la relativa Ordinanza – che non ha tra l'altro mai avuto un formale iter di pubblicazione – sia in vigore dagli anni 90 lo ricorda il capotecnico André Engelhardt. «Con la nuova Ordinanza stiamo quindi parlando di opportuni aggiustamenti che giungono a distanza di una trentina d'anni dall'istituzione del Piano particolareggiato del centro storico». In termini generali «il concetto è chi si vuole operare con un gremio multidisciplinare, in cui convergano competenze e sensibilità provenienti da ambiti diversi». Non cambia l'assunto principale secondo cui la commissione è di carattere consultivo, ma non cambierà neppure la conferma molto concreta che praticamente sempre il Municipio vi si baserà per le sue decisioni. Se non lo farà, l'esecutivo dovrà debitamente motivare le sue differenze di vedute. Una “postilla”, questa, inserita appositamente per differenziare con chiarezza i ruoli.

Gli aspetti principali della nuova Ordinanza, precisa Engelhardt, «sono due. Il primo è legato al fatto che alla commissione capitava di ritrovarsi ad effettivo ridotto: composta da 2 architetti e un capodicastero, correva infatti il rischio che uno dei due tecnici risultasse direttamente coinvolto in un progetto e non potesse quindi preavvisarlo. L'introduzione di un supplente rende un po' meno problematico questo aspetto. Quanto al giurista, com'è del tutto normale, è capitato che la commissione si esprimesse sui progetti soprattutto in merito all'impatto estetico-architettonico e storico, ma non a quello di un rispetto formale delle norme. Poteva quindi arrivare in Municipio un preavviso favorevole a un progetto, che presentava però magari delle lacune a livello di norme di attuazione. Ciò poteva poi essere sanato, ma comunque non era una situazione ottimale». Altri aspetti che il capotecnico considera di sicuro interesse riguardano «un certo maggior coinvolgimento del pianificatore che si è occupato della revisione del centro storico, nonché il raggio d'azione della commissione, che forte delle sue competenze potrà esprimersi anche al fuori del limitato perimetro del centro storico».

Quest'ultimo aspetto riguarda la competenza sugli oggetti inseriti nell'elenco dei beni culturali protetti, presenti ovviamente non solo nel centro storico, ma anche nel nucleo di Solduno. In questo senso il capotecnico nota che «una possibilità è che l'intervento edilizio in questione verta proprio sul bene protetto tutelato, ma v'è anche l'opzione che l'oggetto sia nei dintorni di un bene protetto, che può così risultare “influenzato”. Si tratta quindi di stabilire se è il caso di istituire o meno una tutela – e se sì come – anche in questo secondo caso».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
14 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
18 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
18 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
18 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved