laRegione
bosco-gurin-aprono-gli-impianti-da-sabato-si-scia
Si punta sulla responsabilità di ciascuno riguardo all'osservanza delle regole del piano di protezione
10.12.20 - 16:320
Aggiornamento : 17:38

Bosco Gurin, aprono gli impianti, da sabato si scia

Fino al 20 dicembre, la stazione sarà agibile solo nel fine settimana. Nelle vacanze natalizie, l'accesso sarà giornaliero

a cura de laRegione

La stagione sciistica di Bosco Gurin è pronta al cancelletto di partenza: sabato 12 dicembre gli impianti della località invernale (e non solo) apriranno agli appassionati, anche a quelli delle gite con le ciaspole e della slitta.

Fino a domenica 20 dicembre, la stazione sciistica sarà aperta soltanto durante il fine settimana, mentre dal 23 in avanti l'apertura sarà quotidiana (eccetto il giorno di Natale).

L'accesso sarà garantito sia ai detentori degli abbonamenti stagionali (è ancora possibile acquistarli) sia agli sciatori di giornata. Le casse apriranno alle ore 8.45. Al momento attuale non è ancora possibile acquistare la giornaliera online (sarà possibile nelle prossime settimane).

La preparazione delle piste è stata rallentata dalle copiose nevicate degli scorsi giorni e il conseguente pericolo valanghe, che hanno reso difficoltose le condizioni di lavoro. Perciò, a essere agibili saranno inizialmente: prima seggiovia, piattello, skilift Grossalp con relative piste. La parte superiore del comprensorio così come la pista delle slitte saranno aperte da sabato 19 dicembre.

La sicurezza sanitaria è interesse di tutti

Tutti gli impianti di risalita della Svizzera saranno controllati a vista dalla politica e non solo. È quindi nell’interesse di tutti seguire scrupolosamente alcune regole fondamentali. Chi non le rispetterà dovrà abbandonare immediatamente il comprensorio. La direzione degli impianti di risalita di Bosco Gurin è convinta che se ognuno tiene alla pratica dello sci nella libertà della natura, non sarà difficile rispettare queste regole. Si chiede pertanto la massima serietà e collaborazione.

In modo particolare:

- ancor prima di uscire dalle auto ai parcheggi, si dovrà aver indossato una mascherina certificata ("fai da te" non ammessa). La stessa andrà mantenuta su tutto il comprensorio per recarsi alla cassa, sulle seggiovie, ski-lift, nei ristoranti quando si resterà in piedi (wc, self-service). 

- In vendita alla cassa, scaldacollo con tanto di filtro usa-getta incorporato e certificato (costo: 20 franchi);

- agli utenti si chiederà di mantenere scrupolosamente e costantemente 1,5 m di distanza;

- persiste il divieto assoluto di assembramenti;

- si chiede di rispettare le norme igieniche.

Ristorazione contingentata

Sarà aperto il Ristorante Rossboda, seppur contingentato. All'esterno del ristorante ci saranno indicazioni sulla disponibilità dei tavoli. È da prevedere un'attesa in caso di occupazione totale dei posti a sedere. 

Il ristorante è stato dotato di molte separazioni in plexiglas per la sicurezza del personale e degli utenti. Qualora venerdì dovesse giungere dal Consiglio federale una nuova restrizione secondo la quale i ristoranti la domenica dovranno restare chiusi, verrà organizzato un take away all'esterno, con vivande calde o fredde da consumare in piedi a condizione di mantenere le distanze di sicurezza sociale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio
Mendrisiotto
2 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
2 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
9 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
9 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
9 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
17 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile