laRegione
08.03.21 - 16:25
Aggiornamento: 16:55

Grigioni, altri 100 milioni di franchi per i casi di rigore

Il governo retico chiede al parlamento di accogliere questo credito suppletivo che porterebbe il totale degli aiuti per le aziende in difficoltà a 200 milioni

grigioni-altri-100-milioni-di-franchi-per-i-casi-di-rigore
In aiuto alle aziende in difficoltà (Ti-Press)

Altri 100 milioni di franchi per i casi di rigore. Nella sua seduta del 2 marzo il governo grigionese ha licenziato un'ulteriore domanda di credito suppletivo a favore degli aiuti per le aziende in difficoltà a causa della pandemia. Se la richiesta venisse accolta dal parlamento cantonale questi aiuti verrebbero quindi raddoppiati, passando da 100 a 200 milioni. “La domanda tiene conto della situazione giuridica attuale e dell'intento del Consiglio federale di aumentare a 10 miliardi complessivi l'intero pacchetto di aiuti di Confederazione e Cantoni”, sottolinea un comunicato. “Si ipotizza che la Confederazione parteciperà fino a un massimo di 158 milioni, ciò che limita l'aggravio per il Cantone”.

Per i casi di rigore tutti i Cantoni dovranno erogare nove miliardi di franchi. Di questi, sei miliardi sono previsti per le piccole e medie imprese con una cifra d'affari annuale fino a 5 milioni di franchi. In questo caso i costi saranno assunti per il 70% dalla Confederazione (4,2 miliardi) e per il 30% dai Cantoni (1,8 miliardi). Altri tre miliardi saranno destinati alle imprese più grandi solitamente attive in tutta la Svizzera che realizzano una cifra d'affari annuale superiore a 5 milioni di franchi. Questi contributi saranno finanziati interamente dalla Confederazione. I Cantoni rimarranno responsabili del disbrigo delle richieste, ma la Confederazione stabilirà norme vincolanti a livello nazionale per tali contributi e le renderà note a tempo debito.

Semplificati gli aiuti per le imprese

Nella nota l'esecutivo retico ricorda poi che “tenendo conto dei dibattiti svolti in Gran Consiglio durante la sessione di febbraio 2021, il 23 febbraio 2021 il governo ha deciso di indennizzare meglio le imprese che durante la pandemia di Covid-19 hanno subito un calo della cifra d'affari a seguito dei provvedimenti decisi dalle autorità, nel quadro del programma per casi di rigore della Confederazione e del Cantone. A tale scopo esso ha aumentato l'aliquota di contributo dal 50 al 75 per cento della perdita economica e deciso ulteriori allentamenti delle condizioni che danno diritto agli aiuti”.

Spese supplementari di 60 milioni nel 2020 e di 130 milioni nel 2021

Dallo scoppio della pandemia il governo retico si incontra regolarmente, nel quadro di una tavola rotonda, con i vertici dell'economia grigionese, con l'obiettivo di sostenerla “nei limiti del possibile”. L'anno scorso, “a integrazione degli aiuti della Confederazione, il Cantone ha sostenuto generosamente con contributi finanziari l'economia, il turismo, lo sport, la cultura, i trasporti nonché le strutture sanitarie e di cura e laddove necessario lo farà anche quest'anno”. Tuttavia, questi aiuti generano anche costi: “A causa del coronavirus, il conto annuale 2020 risulterà gravato da spese supplementari nell'ordine di grandezza di 60 milioni”. E anche per quest'anno Coira si aspetta un ulteriore impatto sulle finanze: “Attualmente gli aggravi supplementari per l'anno contabile 2021 si attestano a circa 130 milioni. Di questi, circa 50 milioni sono riconducibili a un minor gettito fiscale per l'anno fiscale 2020, 42 milioni agli aiuti per i casi di rigore e quasi 30 milioni all'attuazione della strategia di test e di vaccinazione”.

Infine, l'esecutivo grigionese indica che “prenderà in esame l'opportunità di riattivare le fideiussioni solidali Covid-19 per garantire la liquidità e sostenere l'economia e valuterà come un simile programma andrebbe organizzato”.

Leggi anche:

Aiuti casi di rigore: Coira porta l’aliquota dal 50 al 75%

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
1 ora
Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
7 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
8 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
9 ore
Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera
Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
9 ore
In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta
Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
10 ore
Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi
Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
11 ore
AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna
Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas
Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Bellinzonese
12 ore
Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso
Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
© Regiopress, All rights reserved