laRegione
laR
 
23.03.22 - 19:04

Un simbolo della Valascia? ‘Non dovrebbe essere un problema’

Roland David, a capo della Sezione forestale del Cantone, non esclude che possa restare un ricordo della vecchia pista di ghiaccio di Ambrì

un-simbolo-della-valascia-non-dovrebbe-essere-un-problema
Ti-Press
La struttura si trova in una zona con un forte grado di pericolo di valanghe

Cosa potrà restare esattamente al posto della vecchia Valascia che sarà demolita? Di principio ben poco, ma «il mantenimento di un elemento simbolico che ricordi la pista di ghiaccio non dovrebbe rappresentare un problema». Roland David – a capo della Sezione forestale del Cantone e che ha seguito sin dall’inizio la procedura di delocalizzazione dello stadio – non esclude quindi che ad Ambrì possa rimanere una parte della struttura che funga da simbolo per ricordare e celebrare la storica casa dell’Hcap.

Opposizione alla domanda di demolizione

Una richiesta, quest’ultima, proveniente non solo dai tifosi della squadra di hockey, ma anche dalla stessa società sportiva: nella domanda di costruzione per la demolizione della struttura presentata dalla Valascia Immobiliare Sa è infatti previsto che parte dello stadio venga salvato. Tuttavia, come anticipato dal Cdt, un confinante ha fatto opposizione. E la censura, stando a nostre informazioni, sembrerebbe essere rivolta proprio contro questo aspetto. Ora il Comune di Quinto cercherà di capire se è possibile una conciliazione (una procedura prevista dalla legge) fra le parti e in seguito sarà poi il Cantone a decidere se autorizzare il mantenimento di almeno un simbolo della Valascia.

Altre opzioni non possibili

Concretamente nella domanda di costruzione, che abbiamo potuto consultare, si prevede di mantenere alcune delle lame in beton che attualmente sostengono le capriate. Si dovrà poi valutare se mantenere anche alcune parti della capriate stesse o altri elementi simili come ricordo simbolico della pista di ghiaccio. Il progetto prevede anche il mantenimento dell’attuale impianto della Protezione civile 3 Valli che attualmente si trova nello stadio e che resterà interrato. Ma quindi è veramente possibile mantenere qualcosa della vecchia Valascia, come chiesto dalla Gioventù Biancoblu (Gbb) in una petizioneappoggiata anche da Franco Celio, già municipale di Quinto – o come vorrebbe la società? Un minimo margine di manovra sembrerebbe esserci, anche se, in ogni caso, non potranno trovare spazio né gli spalti della Curva Sud, né un parco giochi, né un parcheggio coperto. «La condizione principale posta alla Valascia Immobiliare Sa da Confederazione e Cantone per ottenere i sussidi – di circa 12 milioni di franchi, ndr – per la delocalizzazione, prevede la demolizione dell’attuale struttura», precisa Roland David a ‘laRegione’. Inoltre, «con la delocalizzazione è anche previsto il dezonamento». In altre parole questo significa che la zona diventerà agricola e quindi non più edificabile. Realizzare ad esempio un’area di svago dove organizzare anche eventi non sarà dunque possibile. Tuttavia, «se nella domanda di costruzione per la demolizione è previsto di mantenere una sorta di monumento, verosimilmente ciò dovrebbe essere possibile. Le altre opzioni, invece, sono in contrasto con le condizioni poste per l’ottenimento del contributo di delocalizzazione». Il capo della Sezione forestale tiene a sottolineare che la parte della struttura che eventualmente resterà, dovrà «essere sostenibile a lungo termine: il proprietario del monumento, nel caso, dovrà mantenerlo in buono stato e curarlo. È fondamentale che qualcuno si assuma questo onere».

Deciderà il Cantone

Ricordiamo che la delocalizzazione della Valascia (la società sportiva ha ‘traslocato’ nella nuova Gottardo Arena posta a lato dell’aeroporto di Ambrì lo scorso settembre) si è resa necessaria, visto che la struttura con una capienza di circa 6’500 posti si trova in una zona con un forte grado di pericolo di valanghe: circa la metà della pista (compresa la Curva Sud) si trova infatti nella cosiddetta zona rossa (area più esposta al pericolo), mentre l’altra metà (quella che si affaccia sulla strada) si trova in zona blu e gialla. Le lame in beton che si prevede di mantenere si trovano in quest’ultima area, meno esposta al pericolo, dove attualmente si trovano le tribune della pista. Tuttavia c’è anche chi un simbolo della vecchia Valascia sembra non volerlo: un confinante ha presentato un’opposizione alla domanda di costruzione. Questo potrebbe allungare un po’ i tempi per la demolizione prevista per metà-fine maggio. Infatti, ora il Comune proverà verosimilmente dapprima a trovare una soluzione che accontenti entrambe le parti. In seguito l’incarto sarà sottoposto al Cantone che deciderà se concedere la licenza edilizia, tenendo anche conto dell’eventuale opposizione, e autorizzare o meno la presenza di un ricordo della storica pista dell’Hcap.

Leggi anche:

Un pezzo della storica Valascia potrebbe restare in piedi

Storica Valascia: una petizione da sostenere

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
5 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
8 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
9 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
12 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
17 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
1 gior
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
© Regiopress, All rights reserved