laRegione
cara-sommaruga-verifichi-cosa-sta-facendo-l-uft
Ti-Press
Franco Gianoni
Bellinzonese
18.10.21 - 18:440
Aggiornamento : 19:30

‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’

Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier

“Temo che il Consiglio federale non venga messo a conoscenza degli argomenti contrari alla proposta dell’Ufficio federale dei trasporti”. A nome delle ditte Mancini & Marti, Otto Scerri e Geniobeton, tutte attive su sedimi di Castione (totale 240’000 metri quadrati) parzialmente riservati (verrebbero espropriati quasi 33’000 metri) per le nuove Officine Ffs, l’avvocato Franco Gianoni ha inviato una lettera di cinque pagine alla consigliera federale Simonetta Sommaruga lamentando una mancanza di comunicazione da parte dell’Uft nell’ambito della modifica del Piano settoriale dei trasporti che lo vede impegnato al pari di altri legali, privati, enti, ditte e associazioni nel contestare le mire delle Ferrovie. Nella premessa il legale bellinzonese ricorda alla direttrice del Dipartimento ambiente, trasporti, energia e comunicazioni (Datec), nel quale l’Uft opera, che una parte dei 150mila metri quadrati riservati dalle Ffs e confermati dall’Uft, la cui decisione è stata impugnata con più ricorsi davanti al Tribunale amministrativo federale, è attualmente zona industriale “di futuro sicuro migliore avvenire” trovandosi a ridosso di Bellinzona e a meno di un chilometro dallo svincolo autostradale e dalla stazione ferroviaria. “Quindi una zona destinata ad attività di piccole e medie industrie, artigianali e commerciali” su terreni il cui costo “si aggira sui 500 franchi al metro quadrato”. Per contro – insiste Gianoni – se Ferrovie e Uft optassero per l’ubicazione di Bodio/Giornico “potrebbero recuperare subito, senza espropriazione e a poche decine di franchi al metro, una vasta zona industriale che non sacrifica neppure un metro di terreno Sac”, contro gli 80’000 destinati a sparire a Castione. L’area di Bodio/Giornico (ex Monteforno) invece “è già servita da due binari di collegamento, è raggiungibile dalla galleria di base, non causa inconvenienti alle altre attività esistenti ed essendo dismessa da decenni rientra nel piano del Consiglio federale di recupero di dette zone”. E che se recuperata “darebbe lustro e vigore all’Alto Ticino”.

Lo strano silenzio dell’Ufficio federale dei trasporti

Quanto allo scopo della missiva, l’avvocato Gianoni esortando la ministra ad attivarsi rileva di aver chiesto all’Uft – ormai due mesi fa e senza esito alcuno – copia della propria proposta inviata al governo federale relativa all’ubicazione delle nuove Officine nell’ambito della procedura di modifica del Piano settoriale dei trasporti. Proposta che rifacendo i calcoli fatti a suo tempo dalle Ffs – come anticipato dalla ‘Regione’ il 10 agosto – colloca tutt’oggi Castione in testa nel raffronto a due ma con un distacco su Bodio/Giornico minore rispetto a prima (un terzo in più di punti anziché il doppio) in virtù del carattere già industriale dell’area ex Monteforno. Vista la mancata risposta dell’Uft, l’avvocato Gianoni sollecita dunque la ministra Sommaruga a cercare le sue osservazioni trasmesse a fine luglio nell’ambito della procedura di modifica del Piano settoriale e contrarie all’opzione Castione. Idem hanno fatto sia l’avvocato Fulvio Pelli a nome dei Comuni di Biasca, Bodio, Personico e Giornico e della Commissione dei trasporti Tre Valli, sia l’Ente regionale di sviluppo e l’Unione contadini ticinesi. Gianoni evidenzia peraltro che sempre l’Uft “si è rifiutato di produrre” le schede di valutazione in base alle quali è stato allestito il recente confronto fra Castione e Bodio/Giornico. Uft poi criticato per non aver sentito i Comuni interessati né i proprietari privati, per poi redigere un risultato finale del confronto “manifestamente partigiano, seppure un po’ modificato” rispetto a quello precedente delle Ffs. Infine l’avvocato Gianoni segnala l’errore commesso dal Consiglio di Stato dove scrive, nelle osservazioni sulla modifica di Piano settoriale, che la scelta dell’ubicazione a Castione “è già stata ampiamente discussa e avallata dal Gran Consiglio”. Il quale ha semmai stanziato i 100 milioni di contributo cantonale, ma senza schierarsi pro o contro una o l’altra ubicazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Formazione dei docenti, presentata l’offerta formativa 2022/2023
Sottolineata in particolare la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti, di formarsi come docente di francese alle Medie, figura molto richiesta
Ticino
4 ore
Proseguono i cantieri Ffs in Ticino
I lavori coinvolgono o coinvolgeranno le stazioni di Rivera-Bironico e Maroggia-Melano, la linea di montagna del Ceneri e gli scambi a Biasca
Ticino
4 ore
Nel fine settimana 22 classi in quarantena
A Novaggio in quarantena tre sezioni di scuola elementare, altre due sezioni a Bioggio dopo le due della scorsa settimana
Luganese
5 ore
Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara
La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo
Ticino
6 ore
Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore
Nel corso del fine settimana, venerdì compreso, si sono registrati 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedì scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
6 ore
Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino
47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1° dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Ticino
9 ore
Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri
Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
10 ore
Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi
Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
10 ore
Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare
Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
10 ore
‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’
Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile