laRegione
03.10.21 - 18:38
Aggiornamento: 21:01

Istituto leventinese per anziani, ‘personale esasperato’

Crescente malessere tra parte dei dipendenti che hanno scritto anche al Dss. Ora sindacati e direzione stanno esaminando la situazione

istituto-leventinese-per-anziani-personale-esasperato
Ti-Press
Una delle case leventinesi per anziani del consorzio

“Sovraccarico di lavoro, turni extra, personale che dimissiona e non viene sostituito”. Per queste ragioni tra il personale delle tre case anziani di Faido, Giornico e Prato Leventina ci sarebbe un crescente malessere e la situazione è stata segnalata da una lettera anonima inviata anche al Dipartimento della sanità e socialità, al medico cantonale e al comitato che presiede il consorzio di cui fanno parte le strutture, come ha anticipato oggi il Mattino della Domenica. All’origine del disagio ci sarebbero i metodi di conduzione e turni di lavoro logoranti, come richieste extra per la copertura turni, nelle tre sedi. Il personale lamenta anche di esser stato confrontato con cambi di mansioni e che da alcune settimane è stato comunicato loro di dover organizzare anche dei momenti di animazione. Un clima che avrebbe portato diversi lavoratori a lasciare le strutture e la preoccupazione è che a farne le spese non sia solo il personale curante, ma anche gli ospiti. Le famiglie hanno aspettative importanti sulla presa a carico del proprio caro, ma spesso “noi le deludiamo. Le lamentele da parte dei familiari sono associate alle condizioni nelle quali ci troviamo a lavorare. Errori, distrazioni e dimenticanze, nei confronti di quelle piccole attenzioni che fanno sentire bene la persona a carico, sono all’ordine del giorno”, spiega il gruppo di curanti. I turni del piano di lavoro, sostengono sempre alcuni dipendenti della casa anziani, vengono spesso modificati senza preavviso, il più delle volte senza chiedere prima la disponibilità del dipendente interessato. “Inoltre, in molti casi non vengono nemmeno rispettati la percentuale d’impiego o i turni di riposo”, aggiungono. I sindacati, riferisce la Rsi, si erano già attivati per capire cosa stesse accadendo. “Il settore in generale è sotto pressione e nelle case anziani oggi è difficile vivere e lavorare. A Faido da qualche tempo ci arrivavano delle notizie di difficoltà nella gestione di tutte e tre le strutture. Negli scorsi giorni noi abbiamo preso contatto con la direzione chiedendo un incontro urgente perché la commissione interna ci ha avvisati di questo malessere strisciante all’interno delle strutture”, afferma Stefano Testa della Vpod ai microfoni della Rsi.

I vertici del consorzio "noi siamo sereni”

La lettera anonima è stata ricevuta lo scorso 25 agosto. Dunque i vertici del consorzio delle tre case anziani erano al corrente delle accuse. Marzio Eusebio, presidente del consorzio Istituto leventinese per anziani non condivide i toni utilizzati dagli autori della lettera. “Questa lettera declamatoria non serve a trovare delle soluzioni nell’interesse dei collaboratori, degli organi dirigenti e degli ospiti della casa”, dichiara interpellato dalla ‘Regione’. Eusebio ha comunicato che è stata costituita una commissione di accertamento interna per esaminare la situazione il cui rapporto dovrebbe essere consegnato tra una decina di giorni. “La delegazione consortile incontrerà questa settimana la commissione interna del personale al fine di fare il punto della situazione e di mettere fine ad eventuali problemi”, spiega. “Noi siamo molto sereni perché riteniamo che tutti all’interno della casa per anziani abbiano svolto il loro compito, tuttavia in un’azienda con 250 dipendenti è possibile che ci siano delle tensioni interne e ora si tratta di verificare la situazione”, conclude Marzio Eusebio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
4 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
5 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
6 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
8 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
8 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
8 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
9 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
10 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
12 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved