laRegione
laR
 
05.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 16:34

Casa anziani Leventina, le lamentele dei dipendenti coincidono

Le informazioni raccolte negli ultimi giorni dalla Commissione del personale confermano in grandi linee quanto scritto nella lettera anonima

casa-anziani-leventina-le-lamentele-dei-dipendenti-coincidono
Ti-Press
La sede di Faido

Una lettera anonima dai toni eccessivamente drammatici quella inviata un mese fa alla Direzione e alla Delegazione consortile della casa anziani leventinese, come pure al Dipartimento sanità e socialità nonché al medico cantonale, lamentando disfunzioni e pressioni nella gestione del personale? Oppure il quadro esposto corrisponde alla realtà dei fatti? Il punto sarà fatto giovedì pomeriggio quando le parti in causa si troveranno per discuterne insieme; al tavolo della Direzione e della Delegazione consortile si sederanno anche la Commissione del personale e i sindacati Ocst e Vpod. Questi ultimi tre si sono già trovati venerdì scorso per una prima valutazione comune. Da un lato è atteso il risultato delle verifiche attualmente in corso da parte della Commissione di accertamento interna già costituita dai vertici dell’istituto con l’obiettivo di prendere il toro per le corna analizzando la situazione per poi apportare le modifiche che eventualmente s’imporranno; dall’altro vi è già il materiale raccolto ‘motu proprio’ dalla Commissione del personale interpellando parte dei 250 collaboratori distribuiti nelle tre sedi di Faido, Giornico e Prato Leventina. Materiale che stando a nostre informazioni corrisponde in larga misura a quanto esposto nella missiva inviata ai sindacati solo verso metà settembre, ossia due settimane dopo quella spedita alle autorità cantonali e ai vertici dell’istituto, ma non alla Commissione del personale.

Partire dalle dimissioni

D’altronde a indicare la presenza di un certo malessere – fino a che punto radicato lo si sta appunto verificando – vi è una serie di dimissioni spontanee (tre recentissime) di infermieri che nelle loro motivazioni puntano il dito contro le modalità di gestione del personale ritenute autoritarie. Giovedì si saprà insomma se anche la Commissione interna avrà individuato l’origine del problema, ossia “malumori e disservizi” che stando alla lettera e alle testimonianze di un gruppo di dipendenti pubblicate domenica sul ‘Mattino’ sarebbero originati dal coordinatore delle cure e dalla responsabile della qualità. A loro la lettera anonima imputa “una situazione lavorativa al limite dell’assurdo cominciata a inizio 2020” in concomitanza con l’avvio della pandemia da Covid. Oltre a una cattiva impostazione dei turni lavorativi che non terrebbe conto delle percentuali d’impiego, dei periodi di riposo e di un adeguato preavviso in caso di modifiche – il tutto con fare manipolatorio, stando a quanto taluni dipendenti avrebbero riferito alla Commissione del personale – nella missiva viene lamentata la “mancata sostituzione degli operatori assenti per malattie brevi o lunghe, infortuni, trasferimenti tra le sedi oppure dimissioni”. Ciò che in linea teorica sarebbe da imputare più che altro alla Direzione degli istituti e alla Delegazione consortile.

‘Autoritario e non autorevole’

Roberto Cefis di Ocst ricorda che il settore sociosanitario durante l’ultimo anno e mezzo è stato sottoposto a enormi pressioni: «In questo difficile contesto sembra emergere, ma attendiamo conferme, che il coordinatore delle cure si sarebbe posto in modo autoritario anziché autorevole nei confronti dei suoi collaboratori. Prima di parlare di mobbing e di giungere a conclusioni affrettate, è perciò doveroso ascoltare tutte le campane per poi circoscrivere il problema. Resta il fatto che nessun collaboratore è mai venuto a parlarci direttamente di questa fattispecie, preferendo la via della lettera anonima: questo crea un certo dispiacere, perché il sindacato è sempre pronto ad ascoltare e intervenire. Idem la Commissione del personale, preposta ad ascoltare i dipendenti e a mobilitarsi in presenza di problemi. D’altronde però mi chiedo se tutto quanto scritto nella lettera anonima sia totalmente veritiero. A noi comunque interessa poter contribuire a riportare il sereno».

‘Ma il problema è nel manico’

«Stando a una prima valutazione cui dovranno seguire gli approfondimenti del caso – evidenzia dal canto suo Stefano Testa del sindacato Vpod – si è in presenza di due ordini di problemi, uno conseguente all’altro. Il primo vede coinvolto un elevato numero di case anziani ticinesi ed è la scarsità di personale. O meglio, i parametri con i quali vengono stabilite le esigenze di assunzione sono a nostro avviso troppo ‘tirati’ per poter rispondere adeguatamente alle più recenti e future esigenze delle case di riposo. Esigenze caratterizzate da prese a carico sempre più complesse dovute alle molteplici patologie e all’età molto avanzata degli ospiti che diventano tali dopo una lunga permanenza a casa loro dove beneficiano, di più rispetto al passato, delle cure a domicilio. Il problema insomma è nel manico».

Ecco perché i sindacati da una parte insistono affinché si aggiornino quei parametri e dall’altra sollecitano la politica cantonale per una modifica del sistema di finanziamento chiamando i Comuni a versare cifre più consistenti: «Peccato che i Comuni, nell’ambito del sistema perequativo delle case anziani, siano molto restii», lamenta Stefano Testa. Il secondo ordine di problemi, prosegue il sindacalista, «è la ripercussione sulle strutture di quanto ho appena spiegato. Di fronte alla scarsità di personale talune direzioni e quadri per dimostrare efficienza adottano provvedimenti che finiscono per generare malcontento fra i collaboratori e, in definitiva, tra gli ospiti e i loro familiari. A tutto ciò si aggiunge poi la necessità di migliorare il livello salariale e lavorativo del personale formato e di quello in formazione», come chiede la mozione parlamentare presentata dal Ps nel 2019 “Per un finanziamento che garantisca una presa a carico degli ospiti delle case anziani in Ticino e un minor sovraccarico/stress del personale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 min
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
5 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
6 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
8 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
9 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
12 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
12 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
19 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
21 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
22 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
© Regiopress, All rights reserved