laRegione
16.09.21 - 18:44
Aggiornamento: 19:45

eURaTI fornirà l’energia per il secondo tubo del San Gottardo

Il cantiere potrà contare sull’approvvigionamento da parte del neonato consorzio formato da Ewa-energieUri e dall’Azienda elettrica ticinese

eurati-fornira-l-energia-per-il-secondo-tubo-del-san-gottardo
Sul cantiere dalla metà del 2022 entreranno in funzione quattro frese meccaniche (Ti-Press)

Ewa-energieUri e l’Azienda elettrica ticinese (Aet), attraverso il neonato consorzio eURaTI, sono responsabili della fornitura dell’energia elettrica necessaria al cantiere previsto per lo scavo del secondo tubo della galleria autostradale del San Gottardo. Scavo che “aggiunge un ulteriore capitolo alla lunga storia dei trafori nel massiccio del Gottardo”, si legge in un comunicato. Concretamente, dalla metà del 2022 entreranno in funzione quattro frese meccaniche Tbm (Tunnel Boring Machine): due impiegate per lo scavo del tunnel principale e due per quello di sicurezza. “Le Tbm, così come le installazioni di cantiere all’esterno dei portali nord/sud, consumano ingenti quantitativi di energia elettrica e per l’Ufficio federale delle strade (Ustra) è di fondamentale importanza poter contare su un approvvigionamento sicuro e affidabile”.

Una cooperazione nord-sud ‘è la scelta più sensata’

“Lo scavo necessita complessivamente 650 GWh d’energia”, sottolinea Werner Jauch, direttore di Ewa-energieUri, citato nella nota. “È un volume pari a quello consumato da 150’000 nuclei familiari nell’arco di un anno. Assicurare questa fornitura attraverso una cooperazione nord-sud è la scelta più sensata”. Dei 650 GWh, 300 GWh provengono dal lato sud e i restanti 350 GWh da nord. “Grazie all’ottima collaborazione tra le parti coinvolte, siamo in grado di garantire prestazioni ottimali in termini di know-how e di sicurezza», afferma da parte sua Giorgio Tognola, vicedirettore e responsabile del commercio d’energia di Aet, pure citato nel comunicato.

Quattro cabine di trasformazione a nord e altrettante a sud

Ewa-energieUri e Aet hanno già predisposto l’infrastruttura che assicurerà la fornitura dell’energia necessaria ad alimentare i macchinari e le installazioni di cantiere. Anche in questo caso l’impegno è notevole: “L’allacciamento al portale nord è di circa 20 Megawatt” rileva Jauch. “Per garantirlo abbiamo realizzato quattro nuove cabine di trasformazione a Göschenen”. Sul lato sud Aet ne ha installate due nuove e rinnovate altrettante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
57 min
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
57 min
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved