laRegione
bassa-leventina-luce-verde-del-governo-a-sassi-grossi
30.06.21 - 15:28

Bassa Leventina: luce verde del governo a Sassi Grossi

Confermato l'aiuto cantonale di 5,4 milioni previsto per il nuovo Comune che aggregherebbe Personico, Giornico, Bodio e Pollegio. Alle urne il 13 febbraio

Avanza anche a Palazzo delle Orsoline la prevista aggregazione della Bassa Leventina che riunirebbe in un solo Comune denominato Sasso Grossi, in onore della storica battaglia del 1478, i Comuni di Personico, Giornico, Bodio e Pollegio. Il Consiglio di Stato comunica infatti di aver approvato lo studio allestito dalla speciale commissione incaricata di formulare una proposta di aggregazione e di avere perciò fissato al prossimo 22 febbraio la votazione consultiva aperta alla popolazione, data già nota da alcune settimane. Il progetto – annota ancora il governo – si poggia anche sull'auto finanziario cantonale che viene pure confermato nell'ordine di 5,4 milioni di franchi. Nonostante la pioggia di milioni, ricordiamo, il progetto non fa l'unanimità nei rispettivi Legislativi: lo scorso febbraio erano emersi due sì e due no dai quattro Consigli comunali chiamati a esprimersi in prima battuta. Mentre Bodio e Giornico lo avevano approvato a larghissima maggioranza (confermando i preavvisi favorevoli dei rispettivi esecutivi), era invece stato bocciato a Pollegio (dove il Municipio si era espresso negativamente) e a Personico (nonostante il preavviso positivo dell'Esecutivo).

Passo dopo passo

Le urne diranno in che misura quel ‘due a due’ trova terreno fertile fra la popolazione. L'avvicinamento alla votazione popolare vedrà impegnata la commissione di studio nel cercare di convince gli scettici organizzando serate pubbliche nei quattro paesi, compreso un momento informativo congiunto. Il voto della cittadinanza non sarà l'ultimo passo, anzi: farà dapprima da base alla valutazione del Consiglio di Stato (varare o abbandonare l’aggregazione ed eventualmente portarla avanti con quanti Comuni) chiamato ad allestire il proprio messaggio all’indirizzo del Gran Consiglio per la richiesta d’approvazione anche del corrispondente aiuto cantonale. Contro la decisione parlamentare sarà poi data facoltà ai cittadini d'interporre ricorso o lanciare un referendum.

Finora otto anni 

Un iter dunque che si annuncia ancora lungo; d'altronde risale al giugno 2013, a seguito di una petizione, l'istituzione della commissione di studio che ha consegnato al CdS il proprio rapporto finale lo scorso 6 aprile, ossia dopo otto anni di lavoro e approfondimenti. Dal canto suo il governo per ora cerca di convincere gli scettici a suon di milioni: due verrebbero destinati al consolidamento del capitale proprio iniziale; 400mila franchi alla riorganizzazione amministrativa; altri due milioni per investimenti di sviluppo e uno quale aiuto agli investimenti prevalentemente obbligatori e infrastrutturali ai sensi della Legge sulla perequazione finanziaria intercomunale.

‘Attrattivo per residenza e attività economiche’

Il comprensorio di Sassi Grossi riunisce circa tremila abitanti e verrebbe amministrato da un municipio di sette membri e da un Consiglio comunale di 25 membri, con possibilità d'istituire quattro circondari elettorali. Il moltiplicatore politico ipotizzato si situa inizialmente al 95%. “La visione strategica proposta – sottolinea il governo – è centrata sulla sostenibilità e un nuovo orientamento ambientale e sociale ed è volta a costruire un Comune attrattivo per residenza e attività economiche”. Non da ultimo il progetto, conclude il Consiglio di Stato, “s'inserisce con coerenza nella politica cantonale delle aggregazioni perché i quattro Comuni costituiscono l’integralità dello scenario aggregativo Bassa Leventina proposto dal Piano cantonale delle aggregazioni”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bassa leventina bodio giornico leventina personico pollegio sassi grossi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 min
Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’
I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
7 min
Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’
‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
7 ore
Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche
l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
8 ore
WikiMafia non ammessa come parte civile
Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
9 ore
Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori
Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
9 ore
Arrivano le multe disciplinari con il QR
La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
11 ore
Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione
Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Ticino
14 ore
Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni
L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Bellinzonese
17 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
18 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
© Regiopress, All rights reserved