laRegione
07.06.22 - 19:28

Commissione: sì all’abbandono del progetto Sassi Grossi

Non vi sono le premesse né per un’aggregazione coatta, né per un’unione solo fra Bodio e Giornico. Per una fusione a due serve un nuovo iter

commissione-si-all-abbandono-del-progetto-sassi-grossi
Ti-Press
Una veduta aerea di Bodio

Nell’ambito del progetto sfumato Sassi Grossi, la Commissione Costituzione e leggi del Gran Consiglio ritiene che non "vi siano le premesse per insistere e promuovere un’aggregazione coatta dei quattro Comuni o anche un’aggregazione ridotta ai soli due Comuni". Nel suo rapporto (relatore Omar Terraneo) raccomanda quindi al parlamento cantonale di accoglier la proposta del Consiglio di Stato di abbandonare il progetto aggregativo. Tuttavia, se effettivamente Bodio e Giornico – la cui popolazione lo scorso 13 febbraio si era espressa nettamente a favore del progetto, respinto, invece, dai cittadini di Pollegio e Personico – ritengono opportuno portare avanti un’unione a due, avrebbero la possibilità di farlo iniziando un nuovo iter. Concretamente questo significherebbe ricominciare con un’istanza al governo, proseguendo con una commissione di studio, un rapporto commissionale (con possibilità di prendere spunto da quello stilato per Sassi Grossi), un preavviso di esecutivi e legislativi e non da ultimo un’altra votazione consultiva popolare. Ricordiamo che i due Comuni in questione stanno valutando questa possibilità, visto che in marzo i Municipi di Bodio e Giornico hanno affidato un mandato esterno per approfondire la fattibilità di una fusione, in particolare dal punto di vista finanziario. Entro l’inizio dell’estate dovrebbero quindi avere a disposizione le informazioni necessarie per decidere se dare avvio a un nuovo progetto aggregativo.

Leggi anche:

Caduto Sassi Grossi, Giornico e Bodio decideranno entro l’estate

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 ora
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 ora
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
10 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
11 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
12 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
13 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
13 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
14 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
15 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
© Regiopress, All rights reserved