laRegione
commissione-si-all-abbandono-del-progetto-sassi-grossi
Ti-Press
Una veduta aerea di Bodio
07.06.22 - 19:28

Commissione: sì all’abbandono del progetto Sassi Grossi

Non vi sono le premesse né per un’aggregazione coatta, né per un’unione solo fra Bodio e Giornico. Per una fusione a due serve un nuovo iter

Nell’ambito del progetto sfumato Sassi Grossi, la Commissione Costituzione e leggi del Gran Consiglio ritiene che non "vi siano le premesse per insistere e promuovere un’aggregazione coatta dei quattro Comuni o anche un’aggregazione ridotta ai soli due Comuni". Nel suo rapporto (relatore Omar Terraneo) raccomanda quindi al parlamento cantonale di accoglier la proposta del Consiglio di Stato di abbandonare il progetto aggregativo. Tuttavia, se effettivamente Bodio e Giornico – la cui popolazione lo scorso 13 febbraio si era espressa nettamente a favore del progetto, respinto, invece, dai cittadini di Pollegio e Personico – ritengono opportuno portare avanti un’unione a due, avrebbero la possibilità di farlo iniziando un nuovo iter. Concretamente questo significherebbe ricominciare con un’istanza al governo, proseguendo con una commissione di studio, un rapporto commissionale (con possibilità di prendere spunto da quello stilato per Sassi Grossi), un preavviso di esecutivi e legislativi e non da ultimo un’altra votazione consultiva popolare. Ricordiamo che i due Comuni in questione stanno valutando questa possibilità, visto che in marzo i Municipi di Bodio e Giornico hanno affidato un mandato esterno per approfondire la fattibilità di una fusione, in particolare dal punto di vista finanziario. Entro l’inizio dell’estate dovrebbero quindi avere a disposizione le informazioni necessarie per decidere se dare avvio a un nuovo progetto aggregativo.

Leggi anche:

Caduto Sassi Grossi, Giornico e Bodio decideranno entro l’estate

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione bodio commissione costituzione leggi giornico sassi grossi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
5 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
14 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
15 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
16 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
17 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
17 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
19 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
23 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved