laRegione
I tropici, luoghi pieni di vita © WWF-US / Keith Arnold
#gaia #wwf
28.06.19 - 08:000

I tropici e le loro sfide

Domani si celebra la Giornata internazionale dei Tropici

L’ONU ha istituito questa giornata per ricordare l’importanza dell’area compresa fra il Tropico del Cancro (a nord) e il Tropico del Capricorno (a sud). In queste zone si registrano temperature molto elevate. In alcuni casi vengono prosciugati interi laghi. Esistono due stagioni: quella piovosa e quella secca. Ma perché i tropici sono così importanti? Innanzitutto, rappresentano il 40% della superficie totale del mondo e ospitano circa l’80% della biodiversità mondiale, così come il 99% delle specie di mangrovie e il 95% delle foreste di mangrovie. Una caratteristica? Le regioni interne, vicine all’equatore, sono umide e non subiscono particolari variazioni stagionali della temperatura giornaliera. Devono affrontare anche varie sfide: cambiamenti climatici, deforestazione, disboscamento, urbanizzazione e cambiamenti demografici. I tropici hanno la metà delle risorse idriche rinnovabili al mondo. Un’area che dovrà far fronte a tante sfide e che entro il 2050 ospiterà la maggior parte della popolazione mondiale.

Sponde più forti per la Breggia

Aceri, cornioli e salici e ancora arbusti di frangola, olivello spinoso e sambuco: le rive della Breggia, prima spoglie e in balia del fiume nel tratto che va dal Mulino del Ghitello all’ex Saceba, sono ora protette da un manto selezionato di cespugli e piante.

È il frutto di un progetto promosso dal Parco delle Gole della Breggia e realizzato con il sostegno del WWF e della Blue Planet Stiftung Virginia Böger X.X. L’obiettivo – oltre a rinforzare gli argini in un’area caratterizzata da erosione e vegetazione instabile – era valorizzare dal punto di vista ecologico la fascia che divide il torrente dalla zona aperta. Ma non solo. Nell’elaborare questo intervento, si è tenuto conto anche della storica vocazione agricola di questo territorio. Rispondendo a un desiderio dell’azienda che gestisce il vigneto presente nel parco, la Bianchi di Arogno, si è così provveduto a piantare 100 arbusti di sambuco nero. Dalla sapiente fermentazione dei suoi fiori l’impresa biologica ricava una bevanda tradizionale dal basso tenore alcolico: il sambuchino.

Prima che i nuovi alberi e arbusti andassero a dimora, il tratto della Breggia tra il Mulino del Ghitello e l’ex cementificio Saceba – nel territorio dei Comuni di Morbio Inferiore, Castel San Pietro e Balerna – era caratterizzato da una vegetazione arborea poco diversificata e da roveti frammisti a specie alloctone invasive. In alcuni punti, inoltre, grossi alberi pericolanti e l’erosione naturale rendevano precaria la stabilità degli argini.

In una prima fase si è proceduto alla pulizia delle rive dai rovi e all’abbattimento delle piante instabili o deperite. In seguito, si è passati alla piantumazione tenendo presenti quattro criteri: la vegetazione doveva essere variata, di dimensioni adeguate al paesaggio, idonea a stabilizzare gli argini e dai costi di manutenzione ridotti. Il risultato è una commistione di biancospino comune, caprifoglio peloso, frangola, sambuco nero, salice, corniolo maschio, cappel di prete, acero e olmo campestri, crespino comune, olivello spinoso, ligustro, nespolo, noce, orniello e prugnolo selvatico distribuita su nove superfici d’intervento. Gli arbusti e gli alberi, quasi 500 in totale, sono stati disposti in modo da evitare una struttura a scacchiera e avere così un aspetto più naturale possibile.

Il risultato sono rive più stabili, un ambiente ecologicamente più ricco e un paesaggio più gradevole.

Potrebbe interessarti anche
Tags
tropici
breggia
arbusti
sfide
area
alberi
argini
vegetazione
rive
sambuco
TOP NEWS #gaia #wwf
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile