laRegione
15.05.22 - 16:59
Aggiornamento: 17:15

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%

Ats, a cura de laRegione
votazioni-federali-ecco-i-risultati-definitivi
Ti-Press
Svelati i... segreti dell’urna

Tre ‘sì’ compatti sono dunque usciti dalle urne in questa domenica di votazioni federali.

Ecco, tema per tema, la ricapitolazione dei risultati definitivi.

Legge trapianti approvata con il 60,2% di favorevoli

Gli svizzeri hanno approvato la modifica della Legge sui trapianti, che si pone l’obiettivo di ovviare alla penuria di organi e ridurre i tempi d’attesa dei pazienti a cui serve una donazione. La revisione ha superato lo scoglio delle urne con il 60,2% delle schede in favore.

Solo una manciata di cantoni – per la precisione Sciaffusa, i due Appenzello e Svitto – si sono opposti, peraltro tutti di misura. Nutrito invece il campo dei sì, nel quale rientrano pure il Ticino (65,5%) e i Grigioni (58,3%).

Il sostegno è stato enorme in particolare in Romandia, come dimostra l’81,3% di Vaud, il 78,5% di Ginevra, il 77,2% di Neuchâtel o ancora il 75,8% del Giura. Sopra il 70% pure Friborgo e Vallese.

La novità legislativa, che era combattuta da un referendum, introduce il modello del consenso presunto: chiunque non si opporrà esplicitamente al prelievo degli organi sarà considerato in linea di massima un donatore. Attualmente vale invece il contrario, dato che è necessario il beneplacito dell’interessato (o dei familiari) per dare il via libera.

Questo consenso presunto sarà però ‘in senso lato’, dato che i congiunti saranno ancora coinvolti nel processo decisionale qualora le volontà del defunto non fossero chiare. Il cambiamento è stato pensato in primis per sfoltire le liste di attesa, in cui i pazienti possono restare per mesi se non anni.

Frontex: 71% di ‘sì’, sostegno oltre le previsioni

Il potenziamento dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) è stato approvato da oltre il 71% degli svizzeri. Questo sviluppo dell’acquis di Schengen prevede in particolare un aumento del contributo finanziario elvetico fino a 61 milioni di franchi all’anno entro il 2027.

Le percentuali di favorevoli hanno superato le già rosee previsioni dei sondaggi e variano dal 77% di Zugo al 63,5% di Ginevra. Il Ticino si situa al penultimo posto con il 66,3% di sì, mentre i Grigioni sono in linea con il risultato nazionale raggiungendo il 72,15% di voti a favore.

I contributi della Confederazione a Frontex aumenteranno quindi progressivamente nei prossimi anni, passando dai 24 milioni di franchi del 2021 a 61 milioni nel 2027. È previsto anche un incremento del personale messo a disposizione dalla Svizzera. Presumibilmente entro il 2027 gli effettivi saliranno dall’attuale media di circa sei posti a tempo pieno a un massimo di circa 40 posti.

Il referendum era stato lanciato da organizzazioni di tutela dei migranti, con il sostegno dell’area rosso-verde. Gli oppositori però sono risultati divisi: i sondaggi hanno infatti messo in evidenza che la maggioranza degli elettori socialisti e verdi erano favorevoli all’oggetto. Neppure le organizzazioni di difesa dei migranti si sono schierate compatte a favore del referendum: Amnesty International e l’Organizzazione svizzera per l’aiuto ai rifugiati hanno lasciato libertà di voto. L’Udc invece, tradizionalmente contraria a Schengen, si è schierata questa volta per il ‘sì’.

‘Lex Netflix’, chiaro ‘sì’ alla nuova Legge sul cinema (58,4%)

In futuro le piattaforme di streaming saranno obbligate a investire il 4% del rispettivo reddito lordo generato in Svizzera nella produzione di film elvetici indipendenti. Seguendo governo e parlamento, il popolo ha accolto oggi in modo chiaro la riveduta Legge sul cinema, chiamata anche Lex Netflix.

Il testo è stato approvato dal 58,4% dei votanti (1’255’032 voti contro 893’369). La grande maggioranza dei cantoni si è espressa in modo affermativo, con percentuali che vanno dal timido 50,6% di San Gallo all’eclatante 76,1% di Vaud.

In Ticino i favorevoli sono stati il 58,1% dei votanti, nei Grigioni il 56,6%. In linea generale, i cantoni romandi sono stati tendenzialmente più favorevoli. Oltre a Vaud, spiccano Ginevra e Neuchâtel con percentuali di ‘sì’ di rispettivamente il 74,6 e il 70,5%.

Solo sette cantoni hanno invece bocciato la riforma (Uri, Svitto, Obvaldo, Nidvaldo, Sciaffusa, Appenzello Interno e Turgovia). In questi, i ‘no’ non hanno mai superato il 58% (il più ostile è Sciaffusa con il 57,8%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
18 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
19 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved