laRegione
04.12.22 - 11:53
Aggiornamento: 18:13

I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione

Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali

Ats, a cura di Red.Web
i-ticket-a-due-sono-la-regola-a-tre-l-eccezione
Keystone
Sarà una giornata intensa

Quando si tratta di eleggere un nuovo membro del Consiglio federale, i parlamentari hanno solitamente la scelta fra due candidati ufficiali. Ppd, Udc e Plr hanno in tre casi modificato la formula presentando un ticket a tre, rispettivamente nel 1999, nel 2015 e nel 2017.

Il primo partito in assoluto a utilizzare il ticket a due è stato l’Udc (con Leon Schlumpf e Werner Martignoni) nel 1979. La pratica si è poi diffusa a partire dagli anni 90.

Nel 1999, quando si trattava di rimpiazzare Arnold Koller e Flavio Cotti, il Ppd ha fatto eccezione: oltre a un ticket con due nomi femminili (Ruth Metzler e Rita Roos), ne ha presentato uno con una formula a tre (Remigio Ratti, Joseph Deiss e Adalbert Durrer) per permettere al ticinese di figurare in lista.

Un ticinese è stato coinvolto anche nella seconda eccezione: per accaparrarsi il seggio lasciato da Eveline Widmer-Schlumpf, l’Udc ha presentato Guy Parmelin, Thomas Aeschi e il leghista Norman Gobbi.

La terza eccezione si è rivelata positiva per i ticinesi: il Plr Ignazio Cassis ha infatti superato gli altri due candidati del partito, Pierre Maudet e Isabelle Moret, nella corsa alla successione di Didier Burkhalter.

Il Parlamento solitamente non ama che gli si forzi la mano. Unica candidata ufficiale socialista nel 1993, Christiane Brunner ne ha fatto ad esempio le spese. Il Parlamento le ha preferito Francis Matthey, che ha però rifiutato l’elezione. Il Ps è quindi tornato alla carica con un ticket Christiane Brunner/Ruth Dreifuss.

A volte la candidatura unica è comunque andata bene, come nel caso del Ppd che nel 2006 ha presentato solo Doris Leuthard, o dell’Udc che nel 2003 ha fatto solo il nome di Christoph Blocher. I democentristi, per la successione di Schmid nel 2008, sono però tornati al ticket a due (Christoph Blocher e Ueli Maurer).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
7 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
8 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
9 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
10 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
12 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved