laRegione
30.11.22 - 08:44
Aggiornamento: 18:04

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili

cercasi-mangiatori-di-plastica-nei-suoli-alpini
Buon appetito!

I microbi dei terreni freddi e alpini possono decomporre la plastica? L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità. Questi organismi, recentemente scoperti, potrebbero aiutare a scomporre e riciclare la plastica in futuro.

Residui di plastica si trovano ormai in tutto il mondo, persino nella neve delle montagne o ai poli. Anche in regioni fredde come le Alpi o l’Artico esistono batteri o funghi in grado di scomporre queste plastiche? È quanto hanno cercato di sapere, riuscendoci, i microbiologi Joel Rüthi e Beat Frey. La risposta a questa domanda non è interessante solo per la decomposizione dei rifiuti in loco, ma i microrganismi adattati alle basse temperature potrebbero essere utili anche per la degradazione tecnologica della plastica.

Per il suo studio, Rüthi ha interrato in laboratorio pezzi di plastica in campioni di terreno prelevati a 3’000 metri di altitudine in Engadina: due tipi biodegradabili usati per i sacchetti del compost e un pezzo di polietilene (Pe), usato per i soliti sacchi neri dei rifiuti. I risultati sono pubblicati nel Journal of Hazardous Materials: dopo cinque mesi a 15 gradi Celsius, le due pellicole degradabili hanno mostrato piccoli fori e una crescita (biofilm) di batteri e filamenti fungini. Il Pe, invece, è rimasto completamente invariato. "I sacchi di compost erano parzialmente degradati, ma ci sarebbe voluto molto più tempo perché si decomponessero completamente", spiega Rüthi. Nelle Alpi – o in qualsiasi altro luogo della natura – non devono essere smaltiti in nessun caso rifiuti di plastica, nemmeno quelli in plastica biodegradabile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
6 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
7 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
8 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
9 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
11 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved