laRegione
Successione Sommaruga-Maurer
29.11.22 - 19:31
Aggiornamento: 21:22

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto

Ats, a cura di Red.Web
i-partiti-mantengono-un-profilo-basso
Keystone

Al termine delle prime audizioni dei quattro candidati alla successione dei "ministri" Simonetta Sommaruga (Ps) e Ueli Maurer (Udc) – due donne della sinistra e due uomini per i democentristi – i gruppi parlamentari alle Camere federali, tranne il Centro che si esprimerà il 6 dicembre – hanno scelto di mantenere perlopiù un profilo basso, non esprimendo una raccomandazione di voto, o rinviandola alla settimana prossima.

Insomma, prevale la libertà di voto. Ma la situazione potrebbe evolvere ancora prima del 7 dicembre prossimo, un mercoledì, quando l’assemblea federale plenaria sarà chiamata a eleggere i due successori, compreso il presidente della Confederazione per il 2023 e il vicepresidente del Consiglio federale.

Udc e Verdi liberali, rinvio raccomandazione di voto

Al termine dell’audizione delle due candidate socialiste, le consigliere agli Stati Eva Herzog (BS) e Elisabeth Baume-Schneider (JU) – l’Udc ha deciso di rinviare alla settimana prossima, martedì sera o mercoledì mattina presto – una decisione su un’eventuale raccomandazione. Potrebbe anche lasciare libertà di voto.

Anche i Verdi liberali (Pvl) temporeggiano. Dopo aver ascoltato i candidati democentristi al Consiglio federale, il consigliere nazionale Albert Rösti (BE) e l’ex deputato a Berna di Zurigo Hans-Ueli Vogt – hanno deciso di non formulare per il momento alcuna raccomandazione di voto a favore o contro uno dei due.

Il Pvl ha discusso con i candidati Udc di politica climatica, energia, rapporti con l’Europa e questioni socio-politiche. Malgrado le posizioni tra i due democentristi e i Verdi liberali siano assai distanti, il gruppo parlamentare riconosce la pertinenza di avere due consiglieri federali dell’Udc. In questo senso, sia Rösti che Vogt sono eleggibili. Per il Pvl, la questione principale era sapere se una volta eletti i candidati riusciranno a integrarsi in un organo collegiale come il Consiglio federale.

Il Pvl ha precisato che i voti dei suoi parlamentari andranno unicamente ai due candidati ufficiali dell’Udc. Il gruppo parlamentare deciderà tra una settimana se dare la preferenza a uno dei due candidati. I Verdi liberali sentiranno le due candidate socialiste alla successione di Simonetta Sommaruga tra una settimana.

Plr, Vogt e Rösti eleggibili, critiche a Ps

Per il capogruppo Plr alle Camere federali, Damien Cottier (Plr/NE), Albert Rösti e Hans-Ueli Vogt sono entrambi eleggibili. Non c’è alcuna raccomandazione di voto. Secondo Cottier, ogni membro del partito voterà secondo coscienza per uno dei due pretendenti al posto di Maurer, attuale "ministro" delle Finanze, che lascerà la carica il 31 dicembre prossimo.

Cottier ha anche precisato che la settimana prossima il suo gruppo sentirà le due candidate ufficiali del Ps alla successione della bernese Simonetta Sommaruga, che ha annunciato le dimissioni per fine anno. La nostra "frazione", ha spiegato il consigliere nazionale neocastellano, prende atto che il Ps ha voluto presentare anche una candidata romanda – la "senatrice" giurassiana Elisabeth Baume-Schneider, affiancata dalla consigliera agli Stati Eva Herzog (BS) – invece di due personalità svizzero-tedesche, col rischio che si formi una maggioranza latina in seno al governo, in contrasto con la Costituzione federale che prevede un’equa rappresentanza delle diverse regioni e componenti linguistiche del Paese.

Cottier, rispondendo a quesiti dei giornalisti, ha assicurato che il gruppo voterà una delle due rappresentanti in lista, o sul "ticket", nella speranza che, come assicurato dal Ps, una eventuale presenza di quattro latini in governo sia solo temporanea. Contiamo insomma in una "transizione" breve, ha aggiunto il consigliere nazionale.

Verdi per libertà di voto

Il gruppo dei Verdi, dopo aver ascoltato le due candidate socialiste alla successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale, ha deciso di lasciare libertà di voto. "Sia Elisabeth Baume-Schneider che Eva Herzog sono eccellenti candidate per il posto in governo", ha indicato ai media la presidente del gruppo parlamentare ecologista, Aline Trede. "I membri della ‘frazione’ eleggeranno chi vorranno", ha aggiunto la consigliera nazionale bernese al termine delle audizioni. A suo avviso, la lingua non è il criterio principale per l’elezione del 7 dicembre.

Secondo Trede, "naturalmente ci sono altre differenze tra le due candidate". Ma, per quanto riguarda il clima e la politica europea, entrambe le "senatrici" del Ps corrispondono alla visione dei Verdi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
7 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
8 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
9 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
10 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
12 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved